menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Continuava a spacciare nonostante l'obbligo di firma: pusher ai domiciliari

Alle spalle ha numerose condanne e arresti, oltre ad essere già sottoposto ad un provvedimento cautelare, ma questo non lo ha fermato nel proseguire la sua attività illecita, fino a quando non è stato "beccato" ancora una volta

Nonostante le numerose condanne e arresti a suo carico in 15 anni di permanenza in Italia e l'obbligo di firma ai carabinieri cui era sottoposto, ha continuato a spacciare droga, finendo un'altra volta nei guai. 

B.M., cittadino marocchino classe 1974, domiciliato a Bevilacqua e pluripregiudicato, è stato così scoperto dai militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Legnago al termine di un'indagine di Polizia giudiziaria, i quali hanno richiesto un'ordinanza all'Autorità Giudiziaria scaligera che è puntualmente arrivata: la dottoressa Maria Beatrice Zanotti ha infatti ottenuto il provvedimento dal gip Raffaele Ferraro, il quale ha emesso la misura cautelare degli arresti domiciliari, eseguita dai carabinieri.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Casa

    Ristrutturare casa: come riconoscere un muro portante

  • social

    Boom del social fitness: come tenersi in forma da casa

  • social

    Concorso Volotea: VOTATE “VERONA FOR ALL”

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento