Coronavirus, sembrano rallentare i contagi nel Veronese: 36 i nuovi positivi

Rispetto al 31 di marzo dove i tamponi positivi avevano superato abbondantemente il centinaio, il mese di aprile è iniziato con un dato più confortante. Sempre in lieve flessione i ricoveri ospedalieri in Regione

Immagine generica

Il nuovo aggiornamento diffuso dalla Regione Veneto, relativo alle ore 17 di mercoledì 1° aprile, vede un incremento di 123 tamponi positivi in Veneto, per un totale di 9748, ai quali vanno "sottratte" le 517 (+18 rispetto alla mattinata di mercoledì) persone decedute e le 605 (+13) negativizzate, per ottenere il dato dei 8626 attualmente positivi, mentre sono 20275 i soggetti in isolamento domiciliare. 
Nel Veronese i contagi sembrano rallentare, con 36 nuovi casi rispetto al bollettino delle ore 8, per un totale di 2323. Anche in questo caso vanno "sottratte" le 152 (+4) persone che purtroppo hanno perso la vita e le 47 (0) negativizzate, per ottenere il numero dei casi attualmente positivi che è di 2124, mentre nella zona scaligera 3371 persone sono in isolamento domiciliare. 

Calano ancora i ricoveri ospedalieri in Veneto, fermi ora a quota 2044 (-24 rispetto alla mattinata di mercoledì), 1696 (-22) dei quali in area non critica e 348 (-2) in terapia intensiva. Per quanto riguarda la zona di Verona, attualmente sono 593 (-1) le persone positive al Covid-19 ricoverate, 483 (0) di queste in area non critica e 110 (-1) in terapia intensiva. 
Questa la situazione ospedale per ospedale: a borgo Roma 81 (-1) pazienti si trovano in area non critica e 24 (0) in terapia intensiva; a borgo Trento 39 (+1) pazienti si trovano in area non critica e 32 (0) in terapia intensiva; a Legnago 69 (+2) pazienti si trovano in area non critica e 8 (0) in terapia intensiva; a San Bonifacio 12 (-2) pazienti si trovano in area non critica e 7 (0) in terapia intensiva; a Villafranca (ospedale Covid-19 per il Veronese) 119 (+3) pazienti si trovano in area non critica e 18 (-1) in terapia intensiva; a Marzana 36 (+1) pazienti si trovano in area non critica; a Negrar 81 (-2) pazienti si trovano in area non critica e 10 (0) in terapia intensiva; a Peschiera 46 (-2) pazienti si trovano in area non critica e 11 (0) in terapia intensiva. 
Nella provincia scaligera i decessi sono stati registrati a San Bonifacio, Villafranca e Negrar. Per quanto riguarda le persone dimesse, il dato veneto 961 unità, 210 delle quali veronesi: 20 in più rispetto al dato provinciale del 31 marzo
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, ecco il "tampone multiplex": a Negrar un unico test per riconoscere tre diversi virus

  • Terapia anti-Covid scoperta dall'università di Verona, l'Fda la autorizza

  • Virus, il vaccino veronese fa sperare: «È ben tollerato e induce risposta immunitaria»

  • Tragico incidente sul lavoro: operaio 38enne precipita a terra e muore

  • Ordinanza Zaia: si può passeggiare al lago o in montagna? Mascherina, multe ai gestori locali

  • Tragico scontro tra auto e camion nella Bassa: morto un trentenne

Torna su
VeronaSera è in caricamento