Mercoledì, 23 Giugno 2021
Cronaca

Nuova impennata di contagi da Covid-19: crescono anche dimessi e "negativizzati"

Nel Veronese sono stati purtroppo registrati altri 8 decessi, 7 dei quali avvenuti negli ospedali. Stabile il numero di persone costrette alle cure ospedaliere, 86 delle quali si trovano in terapia intensiva

Immagine di repertorio

Sono saliti a 12410 i tamponi positivi al Covid-19 eseguiti in Veneto, questo secondo il bollettino regionale aggiornato alle ore 8 dell’8 aprile 2020, 383 in più rispetto ai dati del pomeriggio di martedì. Dopo una giornata di rallentamento, i contagi hanno avuto dunque una nuova impennata, con 10170 persone attualmente positive e 736 affette dal coronavirus che purtroppo hanno perso la vita tra ospedale e non (14 in più del precedente aggiornamento). In aumento però anche i negativizzati, saliti a 1503 (+449), mentre i soggetti in isolamento domiciliare sono 18886.
Nella provincia di Verona sono 54 i nuovi tamponi positivi, per un totale di 2920. Attualmente le persone contagiate risultano essere 2534, mentre 218 (+8) sono i decessi registrati e 168 (+51) gli individui negativizzati. 2479 invece le persone che risultano in regime di isolamento domiciliare. 
Importante dunque l'aumento dei negativizzati virologici, il cui dato, stando a quanto riporta Azienda Zero, sarebbe soggetto a nuovo import di flusso informativo. 

tabella 1-7

In Veneto il numero di persone ricoverate è sceso a 1839 (-8), 1554 (-4) delle quali si trova in area non critica e 285 (-4) in terapia intesiva. A questi vanno aggiunti i 112 presenti in strutture territoriali, trasferiti da ospedali per acuti.
Stabile nel Veronese il numero di persone costrette alle cure ospedaliere, fermo a 577 (-1), delle quali 491 (+1) in area non critica e 86 (-2) in terapia intensiva. Questa la situazione dei singoli ospedali: a borgo Roma 69 (dato stabile) pazienti si trovano in area non critica e 18 (-4) in terapia intensiva; a borgo Trento 34 (-4) pazienti si trovano in area non critica e 26 (+1) in terapia intensiva; a Legnago 62 (-2) pazienti si trovano in area non critica e 7 (dato stabile) in terapia intensiva; a San Bonifacio 21 (-8) pazienti si trovano in area non critica e 7 (+1) in terapia intensiva; a Villafranca (ospedale Covid-19 per il Veronese) 115 (+1) pazienti si trovano in area non critica e 12 (dato stabile) in terapia intensiva; a Marzana 53 (+3) pazienti si trovano in area non critica; a Bussolengo 12 (+6) pazienti si trovano in area non critica; a Malcesine un paziente si trova in area non critica; a Negrar 86 (+4) pazienti si trovano in area non critica e 7 (dato stabile) in terapia intensiva; a Peschiera 38 (+1) pazienti si trovano in area non critica e 9 (dato stabile) in terapia intensiva. 
Negli ospedali del Veneto sono stati registrati complessivamente 666 (+10) decessi dal 21 febbraio ad oggi, 211 dei quali in area scaligera: nell'ultimo aggiornamento ne sono stati segnalati 4 a borgo Roma, 2 a borgo Trento e 1 a Legnago. In regione sono 1349 (+33) le persone dimesse dalle strutture ospedaliere, 338 nel Veronese, 11 in più rispetto al pomeriggio di martedì.

Tabella 2-2-7
Tabella 3-6

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuova impennata di contagi da Covid-19: crescono anche dimessi e "negativizzati"

VeronaSera è in caricamento