rotate-mobile
Giovedì, 9 Dicembre 2021
Cronaca Centro storico / Piazza Bra

Cori nazisti alla festa della Curva Sud. Rinviata la condanna del Consiglio

Tra i vari punti discussi dall'assise civica, anche la mozione presentata dal consigliere Bertucco. La votazione è stata rimandata per trovare una posizione unanime

La condanna del Consiglio comunale di Verona non è arrivata subito, ma non è detto che non arrivi in una delle prossime sedute. Il riferimento è ai cori nazisti intonati dai tifosi alla festa della Curva Sud dell'Hellas Verona. Un episodio da cui hanno preso le distanze lo stesso club e il sindaco Sboarina a nome di tutta la città. Durante il consiglio comunale di ieri, 31 luglio, è stata discussa la mozione presentata dal consigliere Michele Bertucco che impegnava sindaco e giunta "a chiedere alle autorità ed enti competenti di agire con il massimo rigore e sanzionare i responsabili, applicando le leggi dell'ordinamento penale e della giustizia sportiva e di non concedere in futuro il patrocinio dell'amministrazione comunale e il contributo economico delle aziende partecipate alla festa della Curva Sud". La votazione però è stata rinviata per consentire di trovare una posizione di unanime condanna, magari riesaminando il testo.

È stata invece votata e approvata la delibera per variazioni ed assestamento dei fondi collegati al bilancio di previsione 2017. "L'assestamento di bilancio è un adempimento obbligatorio stabilito dalla legge - ha precisato l'assessore al bilancio Francesca Toffali - la cui approvazione è fissata al 31 luglio di ogni anno. Le variazioni introdotte appartengono a cinque diverse tipologie e riguardano: le variazioni rese necessarie in seguito al ricevimento da parte del Comune di maggiori trasferimenti da terzi; le variazioni da storni di fondi fra diverse articolazioni del bilancio, che non apportano modifiche all'importo totale del bilancio, ma ne variano la distribuzione interna; la variazione rappresentata dalla destinazione dell'avanzo di bilancio di amministrazione dell'esercizio precedente per un importo di 4.750.000 euro; le variazioni necessarie per adeguare le previsioni di alcune entrate e di alcune spese che, nel corso del primo semestre hanno registrato un andamento non conforme a quanto preventivato; le variazioni collegate alle modifiche al Dup, documento unico di programmazione. Alcuni trasferimenti di risorse adottati in delibera si sono resi necessari in corso d'opera per bilanciare le diverse necessità intercorse durate questa annualità di bilancio". 

Il punto è stato ampiamente dibattuto. "Siamo ad analizzare - ha sottolineato il capogruppo Sinistra in Comune Michele Bertucco - variazioni frutto della passata amministrazione, semplicemente recepite dal'attuale. D'interesse e di particolare importanza l'emendamento presentato dalla maggioranza volto ad usufruire le risorse previste dallo sblocca scuola, per un importo complessivo di 3.853.000, con la destinazione di un parte rilevante dell'avanzo di bilancio 2016 ad interventi su edifici scolastici. Nel documento di variazione è stato inoltre identificato l'effettivo valore assicurativo riconosciuto da Cattolica Assicurazioni per il furto dei quadri di Castelvecchio, pari a 49.263 euro".

"Di rilievo alcuni capitali introitati grazie a provvedimenti ministeriali che vanno ad apportare risorse importanti a servizio del Comune - ha ricordato il consigliere PD Stefano Vallani - tra i quali: 250 mila euro per il contrasto all'emarginazione; 668 mila euro per riduzione e chiusura mutui in anticipo rispetto alla scadenza; 500 mila euro per il turismo; 97 mila euro per le strade".

Critiche sono state sollevate dal capogruppo del Movimento 5 Stelle Marta Vanzetto in merito ad alcune variazioni introdotte, per le quali "non sono state indicate tutte le motivazioni. In particolare, chiarimenti sono mancati in merito ai 3 milioni e mezzo erogati per sponsorizzazioni, tra il 2016/2017, da Agsm a favore del Comune. Una variazione che non può esistere in quanto questa tipologia di sponsorizzazioni non è riconosciuta dalla legge. Inoltre, spiegazioni sono mancate in relazione allo spostamento di 140 mila euro dal capitolo Rette per Anziani a favore di Adulti in stato di grave disagio. Importi considerevoli trasferiti senza una precisa motivazione".

Altre approvazioni sono arrivate per la delibera di salvaguardia degli equilibri generali di bilancio e per la delibera di estinzione anticipata di mutui contratti con la Cassa Depositi e Prestiti. Un'operazione ritenuta virtuosa visto che consente di ridurre l'indebitamento.

Infine, da segnalare che il Consiglio, ad inizio seduta, ha voluto ricordare Berta Piva, consigliere del Comune di Verona dal 1960 al 1969, deceduta lo scorso marzo.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cori nazisti alla festa della Curva Sud. Rinviata la condanna del Consiglio

VeronaSera è in caricamento