Condannato per furto in Romania, arrestato e portato in carcere a Verona

Gli agenti delle Volanti della Questura di Verona lo hanno intercettato in un'auto mentre stavano passando in via Olmo. A Montorio sconterà una pena di quattro anni di reclusione

Agenti della squadra Volanti di Verona al lavoro

Le sue iniziali sono D.N., è un trentunenne originario della Romania, ed è stato arrestato lo scorso fine settimana dagli agenti delle Volanti della Questura di Verona. Su di lui pendeva un mandato d'arresto emesso dall'autorità giudiziaria romena.

Sabato pomeriggio, 9 febbraio, intorno alle 16, gli agenti hanno intercettato tre uomini a bordo di un'autovettura con targa romena, mentre stavano transitando in via Olmo. Le indagini effettuate in banca dati, hanno consentito di rilevare la presenza di un provvedimento europeo emesso nei confronti di uno dei tre stranieri, ricercato a seguito di condanna per il reato di furto aggravato, commesso nel febbraio 2017 ai danni di un esercizio commerciale di Brasov, cittadina sita nella regione romena della Transilvania.
Il mandato di cattura, inoltre, faceva riferimento al reato di partecipazione ad un'organizzazione criminale dedita al traffico internazionale di sostanze stupefacenti che, attraverso corrieri della droga, dal Sud America venivano fatte entrare in Europa. Nello specifico, secondo la giustizia romena, D.N. nel dicembre 2011 si sarebbe recato in Olanda per consegnare un'ingente quantità di cocaina proveniente dal Brasile. L'arrestato, in serata, è stato portato nel carcere di Montorio dove dovrà scontare quattro anni di reclusione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Artigiano muore folgorato in strada mentre lavora: inutili i soccorsi del 118

  • Arriva il maltempo in Veneto, pioggia e neve: "Stato di attenzione" della protezione civile

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 17 al 19 gennaio 2020

  • Trovano un vero arsenale nella sua casa: 42enne finisce in manette

  • Operaio morto sul lavoro a Legnago, assolto rappresentante dell'azienda

  • Tocca con la motosega i cavi dell'alta tensione: non c'è stato scampo per il 46enne

Torna su
VeronaSera è in caricamento