Martedì, 19 Ottobre 2021
Cronaca Stadio / Viale Andrea Palladio

Condannato ai domiciliari, viene visto a spasso in piazzale XXV Aprile: arrestato

Poteva uscire quattro volte a settimana dalle 9 alle 11, ma quando la pattuglia dei carabinieri lo ha visto il tempo per la "libera uscita" era già terminato

Constantin Danut, romeno di 40 anni, residente a Verona, nullafacente, era sottoposto alla misura della detenzione domiciliare presso la sua abitazione di via Palladio, con il permesso di poter uscire quattro volte a settimana dalle 9 alle 11.

Lunedì mattina però, i carabinieri del radiomobile di Verona, transitando da piazzale XXV Aprile, dove solitamente trovano persone senza fissa dimora e tossicodipendenti, hanno notato il 40enne che si guardava intorno insospettito e che, alla vista della pattuglia, si spaventava in modo evidente: erano infatti le ore 11.30. Gli uomini dell'Arma quindi hanno deciso di fermarlo ed identificarlo, e, dal controllo in banca dati, risultava avere vari precedenti di polizia e gli attuali arresti domiciliari.
Constantin ha spiegato di essere uscito alle 9, come da permesso, per fare un giro a porta Vescovo dove si incontra regolarmente con dei suoi connazionali, poi ha provato a giustificare il ritardo del rientro in casa con la necessità di avvisare il medico della Caritas sul suo stato di salute. Ma, quando i militari gli hanno fatto notare che il medico si trovava da tutt’altra parte, il soggetto ha ritratto dicendo che si sentiva bene ed era solo una scusa. I carabinieri quindi l’hanno arrestato per il reato di evasione.

Nella mattinata di martedì, il magistrato Dottoressa Labate, ha portato l’arresto in convalida e il giudice Cristina Angeletti, ha disposto che l’arrestato rientri nella sua abitazione, dove deve continuare l’esecuzione della detenzione domiciliare.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Condannato ai domiciliari, viene visto a spasso in piazzale XXV Aprile: arrestato

VeronaSera è in caricamento