Spese illegittime con soldi pubblici, condannati i vecchi membri del Bacanal

In totale i condannati sono sei, tutti con pene sospese. Richiesta anche la confisca di quasi 95 mila euro dalle casse del Comitato

Avevano ottenuto e speso soldi pubblici senza averne il titolo. Per questo tutti i vecchi membri del Bacanal sono stati condannati dal Tribunale di Verona. Al centro le richieste di fondi fatte al Comune di Verona nel 2012 e nel 2013 per l'organizzazione del Carnevale.

In totale i condannati sono sei, tutti con pene sospese, come scrive Fabiana Marcolini su L'Arena, con la confisca però di quasi 95 mila euro per aver percepito e utilizzato in modo illegittimo il soldi dei cittadini. E se il comitato non sarà in grado di fornire la somma, i condannati dovranno tirare fuori la differenza di tasca loro.

Questo è l'esito giudiziario dell'indagine sui rimborsi pagati al Bacanal del Gnoco e messi a bilancio. È emerso che il Bacanal aveva richiesto la copertura di spese false o non ammissibili, come ad esempio per la benzina, le ricariche telefoniche, le spese sanitarie o i pneumatici. Tutti acquisti fatti per uso personale, ma messi sul conto del Bacanal poi saldato dal Comune.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una città intera in lutto: si è spento Roberto Puliero e Verona perde la sua voce

  • Sbanca a L'Eredità, dipendente comunale pensa ai colleghi in difficoltà

  • Terremoto nella Bassa Veronese: registrate tre scosse ravvicinate

  • Il cordoglio della politica veronese per la scomparsa di Roberto Puliero voce della città

  • «Grassie», la poesia di Roberto Puliero per chi lo ha avuto in cura

  • Madre e figlia dirette a Londra arrestate all'aeroporto Catullo dalla polizia

Torna su
VeronaSera è in caricamento