Nasce il comitato Arsenale Subito. "Si continui la gara del project financing"

Sarà presieduto dall'ex assessore Gian Arnaldo Caleffi e insieme a lui come promotori ci sono Giorgio Pasetto, Marco Bastianello, Manuela Calderara e Ottavio Bosello

I promotori del comitato Arsenale Subito (Foto Facebook)

L'ex consigliere comunale Giorgio Pasetto aveva dato l'annuncio, anticipandone alcuni contenuti. Ieri, 9 settembre, è avvenuta la presentazione ufficiale del comitato Arsenale Subito. Sarà presieduto dall'ex assessore Gian Arnaldo Caleffi e insieme a lui come promotori ci sono Giorgio Pasetto, Marco Bastianello, Manuela Calderara e Ottavio Bosello.

Durante la presentazione sono state illustrate le finalità del comitato, nato per "stimolare l'amministrazione comunale ad attuare in tempi rapidi il recupero e la valorizzazione dell'Arsenale - si legge in un comunicato diffuso dopo la presentazione - portando a compimento la gara del project financing in corso, anche migliorandolo". Tra i miglioramenti suggeriti c'è anche la concentrazione del museo di scienze e storia naturale in un'unica sede proprio nell'Arsenale, scartando l'ipotesi di un suo trasferimento a Castel San Pietro.

Il privato che si aggiudicherà la gara dovrà eseguire gli importanti lavori di bonifica più tutte le successive opere di recupero e riqualificazione dell'intero complesso, utilizzando anche il contributo pubblico disponibile - proseguono i promotori del comitato - Il contributo comunale, di 14,45 milioni sui 45 stimati per il costo complessivo della riqualificazione, rischia di non essere più disponibile se la gara non avrà seguito. Non basta la volontà generica di investire in cultura, è necessario aprirsi all'ascolto del territorio, anche con strumenti partecipativi innovativi ed attuare programmazioni orizzontali e duttili. Il comitato promuove l'approfondimento del progetto e delle migliorie che vi si possono apportare, chiarendo all'opinione pubblica i termini realizzativi del problema, confusi in polemiche senza fondamento, quali la sua presunta destinazione a centro commerciale, che non trovano riscontro nei dati oggettivi del project financing. Il comitato è spinto ad agire dalla convinzione che dopo oltre vent’anni di tentativi di recupero non si possa attendere invano, aspettando risorse pubbliche che oggi non ci sono e non sono all'orizzonte.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La vera storia di Santa Lucia, secondo la leggenda nata a Verona

  • Luca, Francesca e Chiara: i tre giovani morti nell'incidente di Bonavigo

  • Ha un nome il corpo trovato in A4: tocca alla Polstrada risolvere il giallo

  • Nasce il nuovo polo logistico del Gruppo Veronesi: 200 i lavoratori impiegati

  • "Strage di Santa Lucia" a Sommacampagna: il disastro aereo in località Poiane

  • Autovelox e telelaser, le strade di Verona controllate dalla polizia locale

Torna su
VeronaSera è in caricamento