menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La Volante della Polizia in via Locchi a Verona

La Volante della Polizia in via Locchi a Verona

Sfregia al volto un rider con un coltello: 16enne arrestato a Verona

Il segno dell'aggressione che si è consumata sabato sera in via Locchi, resterà probabilmente per sempre sul volto del fattorino, intervenuto in aiuto di un'amica che credeva essere in difficoltà

Una brutale aggressione che quasi certamente lascerà un segno permanente sul volto del giovane aggredito e che ha portato all'arresto di un sedicenne che ne è stato ritenuto l'autore. Il tutto si sarebbe verificato nella serata di sabato in via Locchi, a Verona, quando il minore avrebbe colpito un rider di 21 anni con un coltello in pieno viso, provocandogli uno squarcio dalla narice fino all'orecchio, che probabilmente lo segnerà per sempre: l'aggressore è stato accusato di lesioni gravissime, aggravate dai futili motivi alla base del gesto, nonché dal danno causato alla vittima. 

Le segnalazioni di alcuni passanti hanno portato sul posto gli agenti delle Volanti, che in brevissimo tempo sarebbero riusciti a rintracciare l'aggressore, già denunciato dalla Polizia per episodi della medesima natura commessi nell’ultimo anno. 
Le indagini svolte sul momento, avrebbero permesso agli uomini della Questura di ricostruire la dinamica. Sarebbero state circa le 20.30 e il sedicenne si trovava in compagnia di un amico, quando in via Locchi avrebbero incontrato una coetanea con la quale si sarebbero intrattenuti per qualche istante. In quel frangente il 21enne passava dalla zona in motorino per effettuare delle consegne a domicilio, quando avrebbe notato la giovane, sua conoscente, mentre discuteva con i due. Temendo si trovasse in difficoltà, il rider si sarebbe fermato e le avrebbe offerto il proprio aiuto, quando sarebbe stato raggiunto dai due adolescenti, uno dei quali lo avrebbe aggredito con il coltello, colpendono al volto con un fendente. 

La giovane vittima e la ragazza, paralizzata dall’accaduto e in evidente stato di shock, sono stati soccorsi da una coppia di passanti che hanno allertato il 118 e chiesto l’intervento della Polizia. Il presunto responsabile è stato associato, su disposizione del Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Venezia, al C.P.I.A. di Treviso.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Non siete soli: lettera canzone dedicata agli studenti

  • social

    La Storia di Verona: da oggi in libreria e in edicola

  • Benessere

    Melograno: antiossidante e brucia grassi, ma non solo

  • social

    4 Maggio Star Wars Day

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento