Cronaca Zai / Via Antonio Pacinotti

Tentano il colpo in un'azienda e poi aggrediscono i poliziotti con piede di porco e cacciaviti

Tre persone sono state arrestate nella notte tra il 30 aprile e il 1 maggio. Un cittadino infatti ha segnalato al 113 la presenza di un individuo sospetto nel cortile di un'azienda di via Pacinotti

Tre rapinatori sono stati arrestati dagli uomini delle Volanti nella notte tra il 30 aprile e il primo maggio, ma la cosa curiosa è che a mettere le manette ai polsi dei malviventi c'era lo stesso poliziotto che la scorsa settimana ha fermato i rapinatori di via Mazzini. 
Tornando alla vicenda, un cittadino ha segnalato al 113 di aver notato un uomo in abiti scuri nel cortile dell'azienda Mi piaci, ingrosso di abbigliamento gestito da cinesi in via Pacinotti, che si sarebbe nascosto non appena capito di essere stato visto. Due Volanti allora si recano sul posto e trovano la persona segnalata nascosta dietro ad alcuni scatoloni: una pattuglia allora inizia ad inseguire il primo malvivente, che prova a scappare scavalcando un'inferriata, mentre l'altra si concentra su altri due banditi che escono dal magazzino. Il primo fuggitivo viene bloccato e ammanettato dal poliziotto 32enne e dal suo collega, mentre dall'altra parte i due rappresentanti delle forze dell'ordine hanno qualche difficoltà in più. I criminali infatti sono armati di piede di porco e grossi cacciaviti, con i quali danno vita ad una colluttazione con gli agenti: un atto di violenza spropositata per sfuggire ad un'accusa di tentato di furto. 
I due agenti riescono comunque ad avere la meglio e ad arrestare i due. In questura vengono quindi portati due bosniaci e un albanese residenti a Brescia, che poco prima avevano noleggiato una Smart da utilizzare per i furti. Dal grande magazzino Mi Piaci avevano sottratto i circa 500 euro. 
L'arresto è stato convalidato dal magistrato, che ha disposto la custodia cautelare in carcere: per i tre l'accusa di tentato furto si è trasformata in rapina impropria. Due agenti inoltre sono rimasti feriti: uno ne ha per cinque giorni e l'altro per due settimane.

Nei giorni scorsi poi sono finiti in manette anche tre minorenni, accusati di aver rubato il portafogli e il cellulare da una borsetta di una coetanea all'interno di una discoteca. Sarebbe stata la stessa vittima ad indicare le forze dell'ordine al personale della questura. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tentano il colpo in un'azienda e poi aggrediscono i poliziotti con piede di porco e cacciaviti

VeronaSera è in caricamento