Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Cronaca Centro storico / Piazza Brà

Codice della strada e slot machine: le nuove norme in vigore

Con l'arrivo del 2013 diverse sono cose sono cambiate nelle regolamentazioni riguardanti il gioco nei pubblici esercizi, il conseguimento di alcune patente e i comportamenti da tenere sulla strada

Il comandante della Polizia municipale Luigi Altamura ha presentato questa mattina le principali novità normative, che entreranno in vigore con il nuovo anno, in materia di Codice della strada, sanzioni e giochi elettronici in pubblici esercizi.

“È giusto – ha detto Altamura - che i cittadini siano a conoscenza con anticipo delle modifiche decise dai Ministeri della Salute e del Trasporto, che scatteranno con il nuovo anno. A partire dal primo gennaio infatti entreranno in vigore obblighi importanti per tutti gli esercizi pubblici dov’è possibile giocare o scommettere, pena multe elevatissime, al fine di sensibilizzare la cittadinanza su un problema sempre più diffuso: la ludopatia. Saranno inoltre aumentate le sanzioni relative alle violazioni del Codice della strada e le spese di notifica. Purtroppo verranno cancellati i corsi nelle scuole superiori per il patentino di guida, che sarà sostituito da una vera e propria patente da conseguire nelle autoscuole. È una decisione che speravamo non venisse presa, in quanto per le famiglie significa un aumento dei costi da sostenere. Da parte nostra continueremo a collaborare con le scuole per fare informazione e per preparare i ragazzi che volessero conseguire l’esame da privatisti. L’augurio è che il nuovo anno ci porti ad essere più responsabili e attenti alla guida e di conseguenza aumenti il senso civico delle persone, a maggior ragione se si trovano sulla strada”.

LE PRINCIPALI NOVITÀ NORMATIVE:

  •  Giochi elettronici in pubblici esercizi. Dal primo gennaio 2013 per tutti i locali (bar, sale giochi, tabaccherie) autorizzati all’offerta di gioco al pubblico (slot, VLT, gratta e vinci, totocalcio, lotto, superenalotto, scommesse) sarà obbligatorio esporre il materiale informativo sul rischio di dipendenza dalla pratica del gioco. La locandina da esporre, già predisposta dall’Ulss 20 e scaricabile dal sito www.dipartimentodipendenzeverona.it, è diretta ad evidenziare i rischi collegati al gioco e a segnalare la presenza dei servizi di assistenza pubblici e privati. Tutti gli esercizi sprovvisti del materiale saranno sanzionabili con una multa di 50 mila euro.
  • Aggiornamento sanzioni Codice della strada e spese di notifica. Previsto un aumento delle multe del 5.7%, così come delle spese di notifica: aumenteranno di 60 centesimi le spese postali per la notifica di plichi fino a 20 grammi, arriveranno a 9,70 euro le spese per un verbale semplice e saliranno a 17,50 euro quelle per una violazione Ztl ritirata all’ufficio postale.
  • Moto di grossa cilindrata e patentino ciclomotore. Per guidare moto potenti senza restrizioni, dunque con la patente A, bisognerà aver compiuto 21 anni, essere in possesso da almeno due anni della patente A2 e aver superato un esame di pratica. Altrimenti bisognerà aspettare il ventiquattresimo anno d’età. Dal 19 gennaio inoltre il patentino per ciclomotori e minicar verrà sostituita dalla patente AM, compatibile con il meccanismo della patente a punti. Resterà comunque valido il patentino conseguito prima del 19 gennaio. Con il nuovo documento, in caso di violazione grave, il conducente maggiorenne rischierà la sospensione della patente, esattamente come per gli altri automobilisti, mentre per i neopatentati raddoppierà la decurtazione dei punti se in possesso di patentino o patente AM da meno di tre anni.
  • Pneumatici invernali e catene. L’uso delle gomme da neve rimarrà alternativo a quello delle catene, quest’ultime obbligatorie a bordo nei mesi invernali.
  • Registrazione conducente abituale. È stato rimandato l’obbligo di registrare il conducente abituale di un veicolo, ossia chi utilizza un mezzo per più di 30 giorni.
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Codice della strada e slot machine: le nuove norme in vigore

VeronaSera è in caricamento