rotate-mobile
Lunedì, 6 Dicembre 2021
Cronaca

Cocaina purissima in auto, arrestato pregiudicato 63enne

In manette all'uscita Verona Est un impiegato gi nei guai per traffico internazionale di droga

Era già stato arrestato qualche tempo fa per possesso, detenzione e produzione di droga. Secondo le forze dell’ordine aveva contatti con i grossi fornitori internazionali di cocaina e marijuana. Il weekend scorso, Giovanni Pinna, impiegato 63enne di origine sarda ma residente a Villatora di Saonara ci è ricascato: ad attenderlo all’uscita del casello autostradale di Verona Est c’era una pattuglia della polizia che durante la perquisizione è riuscita a ritrovare 104 grammi di cocaina purissima. Più che un’operazione antidroga, però, l’incontro tra i poliziotti e il pusher è stato fortuito e provvidenziale allo stesso tempo.

“Solitamente- spiega il dirigente delle Volanti, Cristina Rapetti- organizziamo normali controlli a campione alle auto in transito nei crocevia più importanti e sensibili della città. Non fanno eccezione i posti di blocco a ridosso delle porte di accesso autostradali. La scorsa settimana è toccato al casello di Verona Est”. Verso le 12e20 di venerdì è stata proprio la Mitsubishi di Pinna ad essere fermata. Ai poliziotti è bastato comunicare i dati della patente alla centrale operativa per far riemergere la lunga fedina penale del 63enne, finito in manette più volte nel corso degli anni per spaccio, traffico internazionale e produzione di droga.


Dagli accertamenti a bordo dell’auto, sotto il tappetino anteriore del passeggero, è stato così ritrovato un foglio di giornale arrotolato ad un sacchetto di nylon con 104 grammi di polvere bianca purissima. Valore sul mercato, circa 3mila euro. Secondo la questura, la droga sarebbe stata immessa nel Veronese e spacciata davanti alle scuole e nei locali più “in” della movida notturna. "Si era già reso responsabile di alcune coltivazioni di marijuana- continua Rapetti- e abbiamo accertato che manteneva importanti contatti con i grossisti delle piantagioni straniere di coca". Con l’udienza di convalida il giudice ha disposto anche il sequestro dell'auto e per Pinna è stata confermata la permanenza nel carcere di Montorio Veronese.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cocaina purissima in auto, arrestato pregiudicato 63enne

VeronaSera è in caricamento