rotate-mobile
Cronaca

Coca: il Garda capolinea di un traffico europeo

La droga veniva portata in auto dall'Olanda. Diciassette ordini di arresto

Una vera e propria organizzazione che aveva il suo vertice nei Paesi Bassi e che importava costantemente cocaina in Italia nell'ambito di un traffico internazionale le cui mete principali erano cinque province del Nord: Mantova, Aosta, Torino, Brescia e Verona. Un duro colpo alla banda è stato inferto stamane, alle prime ore del giorno, dai carabinieri del comando provinciale scaligero, con 17 persone, di origine albanese e italiana, raggiunte da ordinanza di custodia cautelare in carcere. In Veneto l'obiettivo principale dello spaccio era il rifornimento di alcuni locali frequentati da minorenni della costa del Garda, da Peschiera alla sponda bresciana. Nel corso delle operazioni, cominciate nel settembre 2007, sono stati sequestrati circa 50 mila euro in contanti e sette chili di cocaina proveniente dall'Olanda, e sono finite sotto indagine 35 persone.

Le indagini sul Gardesano avevano già fatto individuare, tre anni fa, una fitta rete di spacciatori, alcuni giovanissimi, che si occupavano dello smercio al dettaglio all'interno di locali, e che sono servite a chiarire il quadro criminale: la base dell'organizzazione era in Olanda, da cui partivano i corrieri e le staffette che puntualmente raggiungevano in auto le cittadine interessate tra Veneto, Piemonte e Lombardia.


A fare da tramite in Italia era E. Z.,  albanese pregiudicato di 26 anni, già in carcere dal dicembre 2007 perchè colto in flagranza di reato a Peschiera con 700 grammi occultati nell'auto. Stamane a finire in manette sono stati i suoi complici: undici persone in tutto, sei albanesi e cinque italiani di cui almeno due pregiudicati per rapina, mentre cinque mancano ancora all'appello. Di questi almeno quattro risultano residenti a Verona. Il traffico, come precisano gli inquirenti, che ricorreva anche all’”arruolamento” di famiglie insospettabili con figli al seguito, per fungere da corrieri: nella scocca di alcune vetture, ispezionate in quattro operazioni distinte, sono stati ritrovati circa 2 chili di droga, mentre in un’abitazione di Azzano Lombardo i carabinieri hanno sequestrato 50mila euro in contanti e 3,2 chilogrammi di cocaina.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coca: il Garda capolinea di un traffico europeo

VeronaSera è in caricamento