menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coca Cola in aiuto al Banco alimentare per la distribuzione di 3 milioni di pasti

"Siamo molto entusiasti di questa nuova iniziativa, che potrà recuperare oltre 1.500 tonnellate di alimenti" ha detto Davide Morelli, Direttore dello Stabilimento di Nogara

Questo Natale Coca-Cola ringrazia chi compie un gesto per gli altri, sostenendo Banco Alimentare nell’attività di raccolta e distribuzione di 3 milioni di pasti* e celebrando così i 90 anni di produzione** in Italia. Sono prodotte anche dallo stabilimento di Nogara di Coca-Cola HBC Italia, il principale produttore e distributore delle bevande a marchio The Coca-Cola Company nel Paese, le edizioni speciali delle bottiglie di Coca-Cola Original Taste, Coca-Cola Zero Zuccheri Zero Calorie e Coca-Cola Gusto Limone Zero Zuccheri Zero Calorie.

"Nei suoi 90 anni di produzione italiana, di cui ben 40 in Veneto nello stabilimento nogarese, l’azienda ha instaurato un profondo legame con il territorio, supportando le comunità locali e contribuendo in termini di risorse economiche e occupazione. Sono oltre 3.300 le persone in Veneto che dipendono dai redditi di lavoro generati direttamente e indirettamente da Coca-Cola, che sul territorio distribuisce risorse per 58 milioni di euro", afferma Davide Morelli, Direttore dello Stabilimento Coca-Cola HBC Italia di Nogara. "Collaboriamo con Banco Alimentare da oltre dieci anni donando le eccedenze produttive, per questo siamo molto entusiasti di questa nuova iniziativa, che potrà recuperare oltre 1.500 tonnellate di alimenti e distribuire così 3 milioni di pasti alle persone in difficoltà attraverso le strutture caritative convenzionate".

"Ogni giorno la nostra associazione, con la sua rete di volontari, mette in campo passione e risorse per rispondere a tante persone e famiglie bisognose – dichiara Adele Biondani, presidente Banco Alimentare del Veneto -. In questa direzione, tutte le alleanze sono utili per implementare gli sforzi realizzati e siamo orgogliosi che Coca-Cola rinnovi il suo impegno per sostenere l’Associazione e i nostri progetti".

L’Associazione Banco Alimentare del Veneto ONLUS ogni giorno è impegnata nella raccolta e distribuzione delle eccedenze alimentari, che riacquistano valore e diventano così risorsa per le strutture caritative. Nel solo 2016 l’associazione ha assistito oltre 102.000 persone in difficoltà in 495 strutture convenzionate in Veneto. In questo modo, da un lato si pone al servizio delle strutture caritative che si occupano di famiglie in condizioni di disagio sociale e, dall’altro, delle aziende del settore agro-alimentare con problemi di stock ed eccedenze che intendono donare, ricevendo benefici e sgravi fiscali e ridando valore al cibo non più commercializzabile.

*I fondi donati da Coca-Cola HBC Italia, tramite la Fondazione Coca-Cola HBC, consentiranno a Banco Alimentare di recuperare e distribuire 1.500 tonnellate di alimenti che equivalgono a 3 milioni di pasti (1 pasto equivale a 500 gr di alimenti secondo una stima adottata dalla Fédération Eropéenne des Banques Alimentaires). Per maggiori informazioni: www.coca-cola.it o www.bancoalimentare.it

**Il primo incontro tra Coca-Cola e L’Italia avvenne nel 1919 quando il marchio fu registrato nel nostro Paese, ma l’avventura italiana cominciò nel 1927, anno in cui la Società Romana Acque Gassose iniziò l’imbottigliamento a Roma e la distribuzione sul territorio. Il sistema Coca-Cola in Italia è un attore di rilievo nel panorama economico del Paese e la produzione delle bevande avviene localmente nei 5 impianti di imbottigliamento sul territorio nazionale, dal Veneto alla Sicilia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento