menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Omofobia, il circolo Pink: "Il Pd si ricordi degli impegni presi"

Il circolo Pink chiede all'opposizione di dare corso agli impegni presi durante la campagna elettorale, promuovendo i diritti e le pari opportunità di tutti i cittadini e le cittadine

All'indomani del voto delle amministrative, mentre sta per prendere forma la nuova Giunta comunale, il circolo Pink ricorda al centrosinistra gli impagni presi nel corso della campagna elettorale. "Chiediamo - scrive il circolo in una nota - a Michele Bertucco e ai suoi colleghi e alle sue colleghe dell'opposizione di dare corso agli impegni presi durante la campagna elettorale, promuovendo i diritti e le pari opportunità di tutti i cittadini e le cittadine".

Gli uomini e le donne di Pink si riferiscono ad un passo del programma elettorale di Bertucco che recita così: “L'Amministrazione Comunale si impegna a riconoscere la pluralità delle forme di comunione di vita in crescita nella nostra comunità cittadina, tutelando i diritti costituzionali, contrastando ogni forma di discriminazione, garantendo parità dei diritti (casa, assistenza, scuola, cultura, sport) e dei doveri”

"Immaginiamo e speriamo che questa dichiarazione d'intenti sia ancora valida, anche se Bertucco non è stato eletto sindaco. Questa stessa dichiarazione ci era stata inviata tra le risposte alle 13 domande che come Circolo Pink avevamo posto a vari candidati sindaci alle ultime elezioni. La prendiamo dunque come parte di un programma politico che verrà portato avanti da Bertucco e dal centro sinistra che rappresenta. -ricorda l'associazione degli omosessuali -. Ci avviciniamo al 17 maggio, giornata internazionale contro l'omofobia e il Chiediamo al nuovo centro sinistra veronese in consiglio comunale di dar corso alla dichiarazione sopracitata e cioè di lottare contro ogni forma di discriminazione. Chiediamo che si riportino in discussione in consiglio comunale le mozioni omofobe approvate nel 1995, in particolare la n.336, che impegna "l'Amministrazione comunale a non deliberare provvedimenti che tendano a parificare i diritti delle coppie omosessuali a quelli delle famiglie "naturali" costituite da un uomo e una donna. Che Michele Bertucco e il suo centro sinistra diano corso ai bei discorsi e alle promesse scritte in campagna elettorale, prima che alla bella faccia del sindaco Tosi venga in mente di fare il democratico e di mettere mano lui stesso, cosa improbabile crediamo, alla revisione di quelle mozioni approvate 17 anni fa".


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cultura

Gelaterie d’Italia: Gambero Rosso premia la veronese "Terra&Cuore" con Due Coni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Benessere

    CBD: benefici e controindicazioni

  • Benessere

    Tremolio all’occhio, perché e come evitarlo

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento