menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Chiusura uffici postali, Pastorello incontra i sindaci: "Promesse non mantenute"

In vista del taglio di 9 uffici in 9 comuni della provincia scaligera, il presidente ha incontrato i primi cittadini interessati per studiare le iniziative da mettere in campo per limitare i disagi

Nella Sala Rossa del Palazzo Scaligero, il 9 luglio, il presidente Antonio Pastorello ha tenuto un incontro con i sindaci che rappresentano tanti cittadini veronesi che entro breve saranno privati del servizio postale nel loro comune.
Erano presenti i sindaci dei Comuni di Albaredo d'Adige, Caprino Veronese, Castelnuovo del Garda, Cerea, Gazzo Veronese, Lavagno, Lazise, Monteforte d'Alpone, Oppeano. Hanno partecipato inoltre i rappresentanti sindacali di Cgil/Daniele Sperotto, Uil/Graziano Longo.

In seguito alle numerose segnalazioni per le probabili chiusure di alcuni uffici postali, gli enti locali intendono attuare iniziative per ridurre i disagi all'utenza.

"Il 10 aprile scorso - affermaza il Presidente Pastorello - la Direzione regionale di Mestre delle Poste mi ha scritto di aver avviato un 'ampio processo di dialogo con le istituzioni locali'. Dov'è finito questo dialogo che invece non è mai cominciato? Quello che si vede invece sono solo tagli, tra l'altro pesantissimi su tanti veronesi che resteranno senza servizi postali. La chiusura di 9 uffici in altrettanti paesi della provincia è un colpo ferale a tante categorie di cittadini, per i quali noi amministratori abbiamo intenzione di fare di tutto in loro difesa. Anche perché sono rimasti lettera morta altre promesse della Direzione regionale, come l'ampliamento dei servizi innovativi e l'inclusione di tutti gli utenti nella trasformazione digitale delle Poste. Promesse non mantenute, così come quella di ribadire la presenza territoriale. In definitiva, abbiamo di fronte un interlocutore sfuggente, impegnato in un Piano industriale che passa sopra le teste della gente".

"Ho voluto coinvolgere subito la Provincia  - dice il sindaco di Castelnuovo Peretti - perché ciò che sta succedendo è di una gravità inaudita. A Castelnuovo saranno circa 3.000 gli utenti privati del servizio, ma in tutto il Veronese sono ben di più. Come sindaco ho già fatto varie azioni di sensibilizzazione per scongiurare la chiusura, ma evidentemente a nulla è servito. Adesso non abbiamo intenzione di aspettare che cali nuovamente dall'alto la scure di Poste Spa, faremo tutte le azioni di nostra competenza per salvaguardare le persone soprattutto le categorie deboli come gli anziani davanti ad un disagio di questa portata".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Casa

    Ristrutturare casa: come riconoscere un muro portante

  • social

    Boom del social fitness: come tenersi in forma da casa

  • social

    Concorso Volotea: VOTATE “VERONA FOR ALL”

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento