rotate-mobile
Domenica, 23 Gennaio 2022
Cronaca Centro storico / Corte Giorgio Zanconati, 1

Chievo Verona in tribunale, accolta la richiesta di concordato preventivo

Una richiesta che a ottobre era stata fatta anche dall'azienda dolciaria Paluani, la quale detiene oltre l'80% delle quote del club gialloblù

Come anticipato da alcuni quotidiani economici alla fine del 2021, è stata accolta la richiesta di concordato preventivo del Chievo Verona.

Verso la metà dello scorso mese di dicembre, i soci del club gialloblù sparito dal calcio professionistico l'estate scorsa hanno chiesto l'ammissione al concordato, vista la mole debitoria accumulata. Una richiesta che a ottobre era stata fatta anche dall'azienda dolciaria Paluani, la quale detiene oltre l'80% delle quote del Chievo.

Come per la Paluani, il Tribunale di Verona ha ammesso la richiesta di concordato presentata dal Chievo, nominando due commissari giudiziali e dando tempo fino al 16 marzo per presentare un piano in cui siano illustrati tempi e modalità di risanamento del bilancio.

Nella richiesta di concordato preventivo, il Chievo Verona ha spiegato che il motivo scatenante della sua crisi è stata la mancata ammissione della squadra al campionato di Serie B. Campionato a cui la società aveva chiesto di iscriversi. L'iscrizione però non è stata accettata, accelerando così la parabola discendente del club.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chievo Verona in tribunale, accolta la richiesta di concordato preventivo

VeronaSera è in caricamento