Fondazione Arena, anche Cgil e Uil firmano l'accordo. La parola ai lavoratori

Il piano di risanamento era stato firmato solo dalla Cisl e dopo lunghe trattative per migliorarlo anche gli altri due sindacati hanno detto sì. In disaccordo la Fials

Alla fine le firme sono arrivate. Dopo quella della Cisl, anche Cgil e Uil ieri 31 marzo hanno accettato il piano di risanamento della Fondazione Arena. Evitata così la liquidazione dovuta al forte indebitamento dell'ente. Ora serve il sì dei lavoratori, come scrive L'Arena, che dovranno valutare l'accordo in assemblea e approvarlo a maggioranza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Come annunciato, il sindacato Fials non ha firmato l'accordo e se l'assemblea dei lavoratori dovesse respingerlo, non si potrà inviare l'accordo al Ministero per attingere ai finanziamenti della Legge Bray. Cgil e Uil sono però convinti di aver migliorato l'accordo siglato dalla Cisl e che i lavoratori della Fondazione Arena lo valideranno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sotto le vigne della Valpolicella a Negrar emerge un vero tesoro archeologico

  • Dramma familiare a Bardolino: «Vado al porto per farla finita», il biglietto trovato dal figlio 

  • Tragico incidente tra scooter e autocarro: morta una donna di 43 anni

  • Indagine nazionale di sieroprevalenza al coronavirus: ecco i Comuni veronesi coinvolti

  • In vigore la nuova ordinanza di Zaia e per la prima volta si parla di sagre e discoteche

  • Via libera a circoli culturali, baite alpini e parchi divertimento: ma quando riapre Gardaland?

Torna su
VeronaSera è in caricamento