Certificazione europea per il centro senologico dell'ospedale di Legnago

È la prima struttura del Veneto ad ottenere questa certificazione rilasciata dalla società scientifica europea fondata da Umberto Veronesi con il fine di migliorare la cura delle donne affette da carcinoma della mammella

(Foto Ulss 9 Scaligera)

Il centro senologico dell'ospedale di Legnago ha ottenuto la certificazione Eusoma (european society of breast cancer specialists), società scientifica europea fondata da Umberto Veronesi con il fine di migliorare la cura delle donne affette da carcinoma della mammella, tuttora la principale causa di morte per cancro nelle donne nei paesi industrializzati.

In Italia ogni anno sono diagnosticati circa 50.000 nuovi casi mentre nella provincia di Verona sono diagnosticati ogni anno più di 800 nuovi casi di cancro alla mammella.

Il processo di certificazione identifica una serie di criteri necessari per ottenere la denominazione di "Certified Breast Centre"; tra questi la collaborazione di professionisti dedicati alla cura delle pazienti con cancro alla mammella che interagiscono in modo da garantire un approccio multidisciplinare, il trattamento di un numero di casi annuo sufficiente a favorire l'acquisizione e il mantenimento di un'adeguata esperienza, la disponibilità di tutti i servizi che sono necessari per il trattamento della paziente nelle diverse fasi della malattia, un adeguato sistema informatizzato di raccolta dei dati.

Oltre a tutto questo è fondamentale che il Breast Centre identifichi un direttore clinico responsabile e che i casi siano discussi in meeting multi-disciplinari a cadenza almeno settimanale. Il Breast Centre deve adottare e mettere in pratica un adeguato numero di linee guida riconosciute di validità internazionale, attivare corsi di aggiornamento e di insegnamento, inserire una elevata percentuale di pazienti in studi clinici, dedicare una particolare cura all'informazione e ai bisogni della paziente.

Il breast centre dell'ospedale di Legnago è il primo a ottenere questa certificazione nella Regione Veneto, mentre in Italia sono stati certificati fino ad ora 15 centri. Un risultato importante, ottenuto grazie ad un grosso lavoro di equipe che ha visto la collaborazione e la partecipazione dei professionisti coinvolti e dei responsabili del controllo di gestione e della qualità.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cosa fare a Verona e provincia durante il weekend dal 18 al 20 ottobre 2019

  • Veronese violentata dopo una serata al Mascara, arrestato il branco

  • Col furgone tampona mezzo pesante in A22, muore giovane veronese

  • Volotea, due nuove rotte dal Catullo e l'offerta biglietti sfiora il milione

  • Una fatale distrazione potrebbe aver spezzato la vita del 27enne in A22

  • Razzismo in un B&B di Verona, il gestore si scusa: «Parole mal pesate»

Torna su
VeronaSera è in caricamento