Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Cronaca Cerea / Via Aldo Moro

Pidocchi delle piante infestano case di Cerea: provengono dai campi limitrofi

In via Aldo Moro, gli abitanti sono alle prese con un'invasione di insetti. Le alte temperature e la poca pioggia hanno permesso ai parassiti di proliferare

Se Giazza è alle prese con un'invasione di ghiri, Cerea è sotto assedio dei pidocchi delle piante. In via Aldo Moro, infatti, le case sono state infestate dagli afidi, probabilmente provenienti dai vicini campi agricoli. Gli abitanti avevano contattato i vigili urbani e poco tempo fa era stato somministrato dell'insetticida, il quale però non è in grado di eliminare le larve, perciò i parassiti continuano a proliferare, favoriti dal caldo torrido e dall'assenza di piogge. A soffrire non sono solo case e giardini privati, bensì anche e le coltivazione di soia e mais della zona.

Su L'Arena, Andrea Merlin, che abita in zona, racconta: "A casa mia non possiamo aprire porte e finestre, questi parassiti passano persino attraverso le zanzariere. Inoltre, dobbiamo continuare a pulire i muri esterni e non possiamo più stare in giardino". Continua Manuela, la moglie: "Abitiamo qui da 10 anni, non era mai successa una cosa simile, ci auguriamo che non ci siano pericoli per la salute".

Un'altra abitante di Cerea, sempre su L'Arena, dichiara: "Non ho l'aria condizionata, la sera tengo la finestra aperta e qualche giorno fa mentre andavo a dormire mi sono ritrovata questi insetti nel letto, non si può andare avanti così".

Come sottolinea sul quotidiano locale Giorgio Bissoli, consigliere comunale delegato all'Agricoltura di Cerea: "Per risolvere il problema definitivamente, dobbiamo sperare che le temperature calino drasticamente e che si metta piovere". Il parassita che ha colpito la zona sarebbe la Spodoptera exigua, un ragnetto rosso che ha pesantemente infestato le colture.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pidocchi delle piante infestano case di Cerea: provengono dai campi limitrofi

VeronaSera è in caricamento