menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Due corone d'alloro per gli eroi della resistenza scaligera

Questa mattina la città ha celebrato il 69° anniversario delle battaglie in difesa del Palazzo delle Poste e della Caserma Campofiore da parte dell’8° Reggimento Artiglieria

Si è svolta questa mattina la cerimonia di commemorazione del 69° anniversario delle battaglie in difesa del Palazzo delle Poste e della Caserma Campofiore da parte dell’8° Reggimento Artiglieria, i due episodi che il 9 settembre 1943 diedero inizio alla Resistenza veronese. La cerimonia è iniziata alle ore 11 in piazza Viviani con la deposizione di una corona di alloro alla lapide. Erano presenti l’assessore allo Sport Marco Giorlo in rappresentanza dell’Amministrazione comunale, il presidente del Consiglio provinciale Antonio Pastorello, le autorità civili e militari cittadine, i rappresentanti delle associazioni partigiane, combattentistiche e d’Arma.

L’assessore Giorlo nel suo intervento ha sottolineato “il significato particolare ed emblematico che questi fatti rappresentano ancora oggi, quale testimonianza dei sentimenti, della forza, della volontà, dell’eroismo che animarono i protagonisti della Resistenza nel nostro territorio. Scesero in campo comuni cittadini - ha aggiunto Giorlo – nella convinzione che solo impegnandosi in prima persona potessero ottenere la liberazione dall’oppressore. Mi auguro che la concordia di animi e volontà dimostrata dai nostri concittadini siano fonte di ispirazione per tutti coloro che, anche oggi, si impegnano a portare avanti gli stessi valori di libertà e democrazia”.

La ricostruzione storica della vicenda è stata ricordata nell’intervento dell’oratore ufficiale della cerimonia, il Cavaliere di Gran Croce Raul Adami. “In questa piazza – ha ricordato Adami – il Tenente Vincenzo D’Amore, Darno Maffini e Berto Zampieri, garibaldini, alla testa di un pugno di cittadini e di soldati italiani, fronteggiarono l’invasore nazista e prevalsero fino all’esaurimento delle munizioni. Ai Caduti ignoti, va un momento di attenta meditazione pensando al loro sincero spirito patriottico che li ha spinti a donare la loro vita, certi che quel sacrificio è il massimo esempio di alta fedeltà alla Patria”. La cerimonia è proseguita al Cimitero Monumentale dove, alla presenza delle autorità, è stata deposta una corona di alloro in ricordo dei Caduti dell’8° Reggimento Divisione Pasubio.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Casa

    Ristrutturare casa: come riconoscere un muro portante

  • social

    Boom del social fitness: come tenersi in forma da casa

  • social

    Concorso Volotea: VOTATE “VERONA FOR ALL”

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento