Sabato, 16 Ottobre 2021
Cronaca Cavaion Veronese / Via Lionello Fiumi

Cavaion, finti storni al supermercato: tre dipendenti "condannati" a fare beneficenza

In 9 mesi, tre dipendenti dell'Eurospin di Cavaion non hanno fatto incassare al supermercato 82 mila euro, intascandosi i contanti e facendo finti storni di prodotti. Non sarà risarcita solo l'azienda

In circa 9 mesi, nel 2014, tra finte operazioni di storno e scontrini parzialmente annullati, tre dipendenti dell'Eurospin di Cavaion avrebbero causato al punto vendita un ammanco di almeno 82 mila euro. I clienti non si sono trovati a pagare di più del dovuto, ma i commessi del supermercato, tra le altre cose, avrebbero stornato prodotti, che in realtà erano stati acquistati regolarmente dai clienti. Stornare un prodotto significa annullare il suo acquisto e comporta il ritorno del prodotto sullo scaffale. In questo modo, i tre potevano intascarsi il denaro contante.

Ora a inizio ottobre, L'Arena segnala che i tre dipendenti hanno patteggiato la pena per il reato di appropriazione indebita aggravata dall'abuso di prestazione d'opera. I tre hanno patteggiato da un anno a un anno e quattro mesi, con pena sospesa. Ma la questione non si è risolta solo così. I due commessi che avrebbero intascato 80 mila euro, ne dovranno versare 1500 ciascuno a enti benefici, mentre il terzo, che si era appropriato di "soli" 2 mila euro, dovrà versare la stessa cifra in beneficenza. In tutto ciò, resta il risarcimento all'azienda.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cavaion, finti storni al supermercato: tre dipendenti "condannati" a fare beneficenza

VeronaSera è in caricamento