rotate-mobile
Giovedì, 2 Dicembre 2021
Cronaca

Catullo, contrabbandiere di sigarette fermato

Sequestrati anche 95mila euro non dichiarati

Nonostante il periodo, quando a causa della stagione i passeggeri in arrivo presso lo scalo aeroportuale di Villafranca si diradano, l’attenzione dei finanzieri della Tenenza della Guardia di Finanza di Sommacampagna e dei funzionari della Dogana non è venuta meno.

Nel corso dei controlli predisposti, in arrivo da Chisinau (Moldavia), veniva fermato un passeggero lettone. Il soggetto si mostrava stupito dell’interesse nei suoi confronti, ma il nervosismo ed il disagio mostrato confermavano le ipotesi formulate dagli operanti. Nel corso del controllo venivano rinvenivano ben 23 kg di Tabacchi Lavorati Esteri, per un totale di 1150 pacchetti di sigarette, pazientemente disposti all’interno di una valigia.

Un vero e proprio record, almeno per lo scalo veronese. Inevitabile quindi il sequestro dell’ingente quantitativo di sigarette e l’arresto del soggetto per la violazione degli artt. 291 bis comma 1 e 293 del T.U.L.D., come disposto immediatamente dal Sostituto Procuratore della Repubblica di Verona. Sono tuttora in corso accertamenti per individuare i contatti sul territori italiano del cittadino lettone, che non ha fornito valide motivazioni del viaggio e del carico trasportato.

Altro “blitz”, altro successo e ancora una volta presso la sala arrivi dello scalo scaligero. In due distinte operazioni venivano individuati due soggetti che tentavano di introdurre nel territorio nazionale, in violazione dei prescritti obblighi doganali, rispettivamente 50.000 e 45.000 euro. Nel primo caso, l’attenta disamina dei soggetti in arrivo da Tirana (Albania), permettava di individuare tra i passeggeri in attesa del ritiro del bagaglio, un soggetto che mostrava, alla vista delle Fiamme Gialle, un percettibile disagio.

L’interessato, dopo aver ritirato il bagaglio ed essere entrato nel “canale verde” riservato ai passeggeri non in possesso di generi da dichiarare, veniva avvicinato dagli operanti e invitato a sottoporsi a controlli più approfonditi. Il cittadino albanese, che da interrogazione alle Banche dati in uso al Corpo, risultava avere alcuni precedenti di polizia, veniva controllato: portava con sé 50.000 euro non dichiarati e non corredati da dichiarazione doganale per l’importazione. Nel secondo caso, veniva individuato dai finanzieri e dai doganieri un soggetto di nazionalità statunitense proveniente da Francoforte: tra gli effetti personali contenuti all’interno del bagaglio da stiva, occultava abilmente alcuni rotoli di banconote che erano state suddivise, molto ordinatamente. Una somma pari a 45.000 euro, in parte in dollari.

Sono in corso ulteriori accertamenti per individuare le destinazioni delle ingenti somme di denaro ed i motivi dei viaggi dei soggetti individuati. Complessivamente, la quotidiana attenzione e l’impegno profuso dai finanzieri e dai funzionari doganali, hanno permesso di verbalizzare, nel corrente anno, 90 soggetti, con conseguente sequestro di 190 KG di Tabacchi Lavorati Esteri, ed ulteriori 38 soggetti che tentavano di importare/esportare valuta per un totale complessivo di circa 900.000 euro.


In Evidenza

Potrebbe interessarti

Catullo, contrabbandiere di sigarette fermato

VeronaSera è in caricamento