Cronaca Via Trento

San Bonifacio, CasaPound chiude la stazione. "Degrado intollerabile"

L'azione simbolica e provocatoria è nata dopo una rissa tra senzatetto. Alessandro Signorato: "Siamo in balia di risse e rapine fra immigrati e bande di sbandati"

CasaPound Verona ha chiuso simbolicamente la stazione di San Bonifacio. L'azione è avvenuta in seguito alla rissa tra senza tetto avvenuta in stazione dopo Santo Stefano. Un caso che non è l'ultimo, basta ricordare il tentato stupro avvenuto sempre alla stazione dei treni di San Bonifacio agli inizi di dicembre. L'azione di CasaPound è provocatoria e vuole denunciare una situazione definita inaccettabile.

Da tempo ormai San Bonifacio - ha afferma il consigliere comunale del gruppo misto, ex Lega Nord e passato recentemente a CasaPound, Alessandro Signorato - è in balia di risse e rapine fra immigrati e bande di sbandati. L'ultimo episodio ha visto come conseguenza il danneggiamento di una vetrata della porta d’ingresso. Con questa azione vogliamo continuare la nostra dura opposizione allo stato di degrado generato dall'amministrazione targata Partito Democratico. La situazione infatti non è più tollerabile: buonismo e prediche non sono più sufficienti o accettabili, ed i cittadini sono oramai esasperati.

casa-pound-stazione-san-bonifacio-2

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

San Bonifacio, CasaPound chiude la stazione. "Degrado intollerabile"

VeronaSera è in caricamento