Cronaca Valverde / Via della Valverde

Carenza di personale nella sanità veronese. Le Ulss garantiscono assunzioni

Per la Uil nelle strutture sanitarie della provincia servirebbero 384 nuove unità, tra infermieri, OSS e ostetriche. L'Ulss 21 ha concluso la procedura concorsuale per delle prime assunzioni

Gli infermieri veronesi sono pochi e non ce la fanno più. La denuncia della Uil è chiara ed è diretta a chi, amministrando le aziende sanitarie, pensa solo a tagliare, senza rendersi conto dei reali bisogni dei reparti. Il sindacato ha fornito anche i numeri: in tutta la provincia veronese servirebbero per fornire un servizio sanitario adeguato altri 194 infermieri, 145 operatori socio-sanitari, e 45 ostetriche. Il totale fa 384 unità che mancano per coprire colleghi in ferie o in malattia, ma anche per coprire turni e reperibilità. E se questi 384 lavoratori non ci sono, significa maggiore carico per chi lavora nelle strutture sanitarie veronesi e minore qualità del servizio offerto.

Per la Uil, occurre procedere alle assunzioni in particolare nelle strutture dove il personale non può garantire il tempo di assistenza minimo definito dalla Regione e dall'Europa, e invece ancora manca un piano straordinario delle assunzioni. Inoltre, per individuare le strutture più deficitarie erano stati pensati degli osservatori, che nel territorio veronese non sono mai stati attivati. 

A questa denuncia della Uil hanno però prontamente replicato le Aziende Ulss 20 Ulss 21 e Ulss 22 di Verona con una nota in cui si legge: "La Regione Veneto ha già autorizzato le Aziende Sanitarie alle assunzioni del personale infermieristico e OSS sia per coprire le cessazioni avvenute nel 1° semestre, che per sostituire il personale assente per maternità o aspettative a vario titolo".

"Le tre Aziende Ulss 20 Ulss 21 e Ulss 22 - continua la nota - provvederanno alle assunzioni non ancora effettuate. L’Ulss 21 ha concluso la procedura concorsuale per l’assunzione di infermieri. E le tre Aziende hanno anche stipulato un accordo per l’utilizzo della graduatoria e questo permetterà a tutte e tre le aziende di coprire il fabbisogno infermieristico nel breve periodo".

Le Ulss hanno anche risposto direttamente alla Uil scrivendo che l’osservatorio previsto è stato formalmente istituito a novembre presso l’Ulss 21 e sarà presto istituito anche dalle altre Aziende. Inoltre, il sindacato ha anche denunciato che ad alcuni infermieri non è stata garantita la giornata di riposo dopo il turno di notte e che ci sono state modifiche di orari, dovuti appunto alla carenza di personale. Episodi smentiti dalle tre aziende sanitarie scaligere.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carenza di personale nella sanità veronese. Le Ulss garantiscono assunzioni

VeronaSera è in caricamento