menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Restano in carcere i due fruttivendoli fermati con 43 kg di papaveri da oppio

Il Gip ha concordato con i risultati delle indagini dei carabinieri del norm di San Bonifacio e ha deciso di trattenere i due cittadini indiani nelle celle della casa circondariale di Montorio

Circa due settimane fa erano stati arrestati per traffico internazionale di stupefacenti, dopo essere stati trovati in possesso di ben 43 chilogrammi di papavero da oppio, e ora i carabinieri del nucleo operativo della compagnia di San Bonifacio hanno notificato il provvedimento di custodia cautelare in carcere nei confronti dei due cittadini indiani arrestati. 

Il provvedimento è stato emesso dal Giudice per le Indagini Preliminari di Udine che, nel dichiararsi competente a procedere, ha inflitto la misura restrittiva della libertà personale nei confronti del 38enne operaio residente a Montecchia di Crosara e del 41enne bracciante agricolo domiciliato a Brescia. Il Gip infatti ha condiviso appieno la tesi investigativa dei militari, ritenendo sufficienti i gravi indizi di colpevolezza in capo ai due, ovvero: l'elevato quantitativo acquistato e trasportato (43 kg di papavero da oppio suddivisi in 410 confezioni in cellophane), le modalità di trasporto della droga (nascosta sotto le cassette dei vari generi alimentari caricati a bordo dell’autocarro, molti dei quali peperoncini e spezie che inibiscono l’olfatto delle unità cinofile delle forze dell’ordine) e il modus operandi utilizzato dai due (che prediligevano gli spostamenti durante le ore notturne e percorrevano assi viari secondari) minuziosamente ricostruito dagli inquirenti. 

Nel corso dell’interrogatorio di garanzia i due indagati si sono avvalsi della facoltà di non rispondere, non giustificando, ad esempio, come si fossero procurati la significativa somma di denaro contante sequestrata loro nella circostanza dell’arresto (circa 5000 euro).

Per tali motivi, l’autorità giudiziaria ha ritenuto congruo che i cittadini indiani rimanessero ristretti nelle celle del carcere di Montorio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Casa

    Ristrutturare casa: come riconoscere un muro portante

  • social

    Boom del social fitness: come tenersi in forma da casa

  • social

    Concorso Volotea: VOTATE “VERONA FOR ALL”

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento