Carabinieri di San Bonifacio: il Capitano Talotti saluta, al suo posto il Sottotenente Perisi

Il Capitano lascia il comando del Nucleo Operativo e Radiomobile ed il servizio attivo al termine di una brillante carriera durata oltre quarant’anni

A sinistra il Capitano Talotti. A destra il Sottotenente Perisi

Avvicendamento alla compagnia carabinieri di San Bonifacio: dopo 2 anni il Capitano Ciro Talotti lascia il comando del Nucleo Operativo e Radiomobile ed il servizio attivo al termine di una brillante carriera durata oltre quarant’anni. Al suo posto, il Tenente Augusto Perisi proveniente da Trieste dove comandava la Sezione Operativa della compagnia carabinieri.

Il Capitano Talotti arrivato in provincia di Verona trent’anni fa per ricoprire l’incarico di vicecomandante della stazione di San Giovanni Lupatoto, ha successivamente assunto il comando delle stazioni di Zevio, San Bonifacio e Verona Principale venendo promosso ufficiale nel 2018, stabilendo nel corso degli anni un legame indissolubile con la popolazione.

Il Sottotenente Augusto Perisi, 49enne genovese, sposato con la signora Laura e padre di due figlie, ha frequentato la Scuola Allievi Carabinieri di Torino, la Scuola Sottufficiali Carabinieri di Firenze e la Scuola Ufficiali Carabinieri di Roma.
In quasi trent’anni di carriera ha ricoperto in patria gli incarichi di comandante di squadra presso 13esimo Reggimento Carabinieri Friuli Venezia Giulia di Gorizia, di vicecomandante della stazione carabinieri di Trieste via dell’Istria e di comandante della sezione operativa della Compagnia Carabinieri di Trieste.
Vasta l’esperienza all’estero dell’ufficiale che ha partecipato a missioni internazionali con le Nazioni Unite, l’Unione Europea e la NATO, in Bosnia, Kosovo, Albania, Palestina, Libano e Afghanistan. Per quattro anni, dal 2002 al 2006, il Tenente Perisi ha inoltre ricoperto l’incarico di responsabile della sicurezza dell’Ambasciata d’Italia in Hanoi (Vietnam).
Laureato in Giurisprudenza ed in Scienze dell’Amministrazione, nonché conoscitore della lingua inglese e di quella francese, il Tenente Perisi si è detto entusiasta della destinazione nell’est veronese, territorio di particolare interesse dal punto di vista sociale ed economico, dove intende rafforzare l’azione di contrasto ai fenomeni criminali che lo interessano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rischio Covid: regioni gialle, arancioni o rosse? In arrivo cambiamenti

  • Covid, ecco il "tampone multiplex": a Negrar un unico test per riconoscere tre diversi virus

  • La zona "gialla plus" di Zaia peggio di quella arancione? Commercianti aperti, senza clienti

  • Terapia anti-Covid scoperta dall'università di Verona, l'Fda la autorizza

  • Coronavirus: in Veneto 18 morti da ieri sera, Verona provincia con più casi attuali e decessi

  • Coronavirus, a Verona tornano a salire i ricoveri in terapia intensiva

Torna su
VeronaSera è in caricamento