menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I carabinieri di Soave intervenuti dopo il tentativo di furto in casa

I carabinieri di Soave intervenuti dopo il tentativo di furto in casa

Esce di casa un quarto d'ora per fare una passeggiata e al rientro trova un ladro

L'episodio è avvenuto mercoledì a Soave. La moglie in casa non si era accorta di nulla

Erano le 22 circa di mercoledì 5 giugno, quando un cittadino soavese rincasando dopo aver lasciato l’abitazione per fare due passi, ha sorpreso al rientro un giovane nordafricano intento a rovistare nei cassetti dell’ingresso della sua dimora. Quest’ultimo, accortosi del del proprietario, dopo averlo spintonato, si è dato alla fuga, mentre la moglie del cittadino soavese, la quale nel frattempo non si era accorta di nulla essendo al piano superiore, ha deciso di allertare il 112.

Grazie a questa tempestiva chiamata i carabinieri della stazione di Soave sono subito intervenuti ed hanno intercettato il fuggiasco a poca distanza dall’abitazione, intento a nascondersi tra alcuni cespugli. Dopo averlo bloccato ed accompagnato in caserma, i militari hanno raccolto la querela della vittima ed effettuato tutti i controlli del caso sul conto dell'autore del tentativo di furto, per poi arrestarlo ufficialmente.

In manette è finito dunque un cittadino marocchino classe ’80, già pregiudicato ed irregolare sul territorio italiano. Questi, dopo aver trascorso una notte nelle camere di sicurezza della caserma dei carabinieri di San Bonifacio, è stato accompagnato dinnanzi al giudice del tribunale di Verona. A seguito della convalida dell’arresto, il giudice ha disposto nei suoi confronti l’obbligo di presentazione ai carabinieri di Cologna Veneta, dove dimora, per tre giorni alla settimana in attesa che prosegua l’iter giudiziario.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento