Giovedì, 13 Maggio 2021

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nasconde droga per 12mila euro in una cantina non sua: scoperto e arrestato

Lo spacciatore 28enne sfruttava come nascondiglio uno scantinato al Saval di proprietà di un'ignara signora con difficoltà motorie che non vi accedeva ormai più da molto tempo

Nella giornata di ieri, giovedì 6 dicembre, i militari della Stazione dei carabinieri di Verona hanno arrestato un 28enne italiano che aveva nascosto all'interno di una cantina un notevole quantitativo di sostanze stupefacenti. Si tratta di circa 5 chili di marijuana, stipati all'interno di grandi buste di plastica, oltre a 150 grammi di cocaina. È stata un'importante operazione di contrasto allo spaccio, non solo per quel che riguarda il quantitativo di droga sequestrata, ma anche per la tipologia di sostanze stupefacenti che, senza dubbio, avrebbero altrimenti contribuito ad alimentare il mercato rivolto ai più giovani.

A rendere particolarmente interessante quest'arresto compiuto dai carabinieri vi è poi un altro fattore: la scelta del nascondiglio. La cantina, situata in una palazzina di via Dandolo a Verona nella zona del Saval, non era infatti di proprietà del giovane arrestato, né apparteneva ad alcun suo familiare. Si tratta infatti di uno spazio pressoché abbandonato, di proprietà di un'anziana signora, peraltro con difficoltà motorie, completamente estranea all'intera vicenda e ignara di ogni cosa.

Il giovane spacciatore era solito entrare ed uscire dal palazzo grazie ad un mazzo di chiavi che non è ancora stato chiarito come mai fosse in suo possesso. L'utilizzo della cantina quale nascondiglio per la droga era dunque totalmente abusivo ed illegittimo. Tra le ipotesi che i carabinieri cercheranno di vagliare nel prosieguo delle indagini, vi è ovviamente quella che all'interno del palazzo possa risiedere qualcuno che abbia in qualche modo aiutato lo spacciatore. I militari sono riusciti a risalire al 28enne italiano grazie ad un'iniziale segnalazione da parte di un cittadino, compiendo poi una serie di pedinamenti e ricostruendo l'intera sua attività di spacciatore, fino all'arresto in flagranza proprio all'interno della cantina utilizzata come magazzino per la droga.

Il giovane arrestato aveva già piccoli precedenti per spaccio di sostanze stupefacenti, era senza un lavoro e residente nella zona di Borgo Milano a Verona. Nel complesso la droga sequestrata dai carabinieri è possibile stimare abbia un valore di 12mila euro, suddivisi in 5mila euro per quanto riguarda la marijuana e 7mila euro per quel che concerne la cocaina. Al momento il 28enne si trova nel carcere di Verona a Montorio dove resta in attesa della convalida.

Si parla di

Video popolari

Nasconde droga per 12mila euro in una cantina non sua: scoperto e arrestato

VeronaSera è in caricamento