menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
(Foto di repertorio)

(Foto di repertorio)

Camorra nel Veronese, due coinvolti nelle indagini sul clan Senese

Sono una donna di Villafranca ed un campano residente a Valeggio. Per loro è scattato l'obbligo di dimora, ma in totale sono 28 gli arresti nell'operazione «Affari di famiglia»

Sono stati gli uomini della guardia di finanza e quella della polizia ad dare esecuzione ieri, 7 luglio, a 28 misure misure cautelari su richiesta della Direzione distrettuale antimafia di Roma. L'operazione è stata denominata «Affari di famiglia» ed ha portato 16 cittadini in carcere, 6 agli arresti domiciliari ed per altri 6 è stato ordinato l'obbligo di dimora. Le accuse sono, a vario titolo, estorsione, usura, trasferimento fraudolento di valori, riciclaggio, autoriciclaggio e reimpiego di proventi illeciti, con l'aggravante di aver agito con metodo mafioso.

La famiglia sui cui affari le forze dell'ordine indagavano da anni è quella dei Senese, facente parte della camorra campana, ma trasferitasi a Roma. Dalla capitale, i Senese avrebbero gestito una serie attività criminali che sconfinavano anche in altri territori italiani, tra cui anche la provincia di Verona. Tra i 6 cittadini che hanno ricevuto l'obbligo di dimora ci sarebbero, infatti, una donna di Villafranca e un residente di Valeggio sul Mincio originario della Campania.

Il capo del clan Senese sarebbe Michele, detto Michele o' pazz. L'uomo è detenuto nel carcere di Catanzaro, ma anche da lì sarebbe riuscito a gestire gli "affari di famiglia". Affari che a Roma ruoterebbero principalmente attorno al traffico degli stupefacenti e al riciclaggio dei guadagni ottenuti dallo spaccio. Anche dal carcere, Michele Senese avrebbe tenuto le fila di tutto attraverso la moglie e il figlio, con cui poteva incontrarsi e scambiarsi messaggi in codice. Ma a capo dell'organizzazione, insieme a Michele Senese, ci sarebbe stato anche il fratello.

Le indagini, che hanno richiesto l'utilizzo anche di intercettazioni e videoriprese, si sono concentrate sui flussi di denaro che i Senese guadagnavano illecitamente e che venivano investiti in attività economiche attraverso prestanome o con prestiti su cui venivano applicati tassi d'interesse usurari. Prestiti che poi davano modo ai Senese di estorcere denaro o altri benefici dai debitori.

Il cittadino campano residente a Valeggio sarebbe stato proprio uno dei prestanome usati dai Senese, mentre la donna di Villafranca risulta coinvolta perché moglie di un uomo di fiducia del figlio di Michele o' pazz. E pare che lei non fosse all'oscuro dei contatti del marito.

Oltre agli arresti, le forze dell'ordine hanno anche eseguito sequestri di beni e società del valore di oltre 15 milioni euro. Tra le società sequestrate ce ne sarebbe anche una di commercio di abbigliamento con sede nel Veronese.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento