Lunedì, 14 Giugno 2021
Cronaca Via Monte Baldo

Calzedonia riconverte alcuni stabilimenti per la produzione di mascherine

I primi 5.000 pezzi prodotti sono stati donati agli ospedali ed al Comune di Verona. Ed oltre alle mascherine si produrranno anche camici

Foto di repertorio

Dopo aver chiuso tutti i punti vendita dei marchi del gruppo, Calzedonia ha riconvertito parte dei suoi stabilimenti per produrre camici e mascherine.
Il nuovo decreto del presidente del consiglio Giuseppe Conte, entrato in vigore da ieri 23 marzo, ha chiuso tutte le attività produttive ritenute non necessarie e tra queste ci sono anche le attività tessili, tranne quelle che producono articoli di tipo tecnico o industriale. E così, da ieri, il presidente di Calzedonia Sandro Veronesi ha promosso la trasformazione di alcuni stabilimenti per iniziare a creare mascherine e camici.

Gli stabilimenti interessati sono quelli croati e quelli italiani di Avio, in provincia di Trento, e di Gissi, in provincia di Chieti. In queste aziende sono stati installati macchinari per la creazione di una linea semi-automatica, mentre le cucitrici sono state settate per il nuovo tipo di produzione.

La produzione che Calzedonia prevede di avere è di 10.000 mascherine al giorno nella fase iniziale, con un incremento previsto nelle prossime settimane. E le prime 5.000 mascherine prodotte sono state donate agli ospedali ed al Comune di Verona.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Calzedonia riconverte alcuni stabilimenti per la produzione di mascherine

VeronaSera è in caricamento