Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una strage di alberi: il drammatico e straniante video dopo la tempesta a Verona

Nella zona del campo sportivo "Gigi Piccoli" un disastro: devastati gli alberi su via Francesco Giovanni Caroto verso le Torricelle, così come all'incrocio con salita Santo Sepolcro

 

Verona, domenica 23 agosto, dopo i 15 minuti di uragano la città si scopre ferita. La strada nella zona di Porta Vescovo che conduce sulle Torricelle è devastata. Le persone camminano tra alberi di dieci metri abbattuti al suolo come fossero birilli. Si "ascolta" il silenzio dopo la paura, poi il timido canto di qualche uccellino che segnala il ritorno del "bel tempo" dopo la tempesta. Espressioni di stupore, incertezza, il rumore dei passi, infine una singolare melodia intonata questa volta da voce umana, una donna. Nel mezzo il disastro, una strage di alberi dilaniati da vento, acqua e grandine che giacciono inermi al suolo. La natura in rivolta non risparmia nemmeno se stessa.

Abbattuto dall'uragano il cipresso secolare che affascinò Goethe al Giardino Giusti

Potrebbe Interessarti

Torna su
VeronaSera è in caricamento