Giovedì, 28 Ottobre 2021
Cronaca Bussolengo / autostrada a22

Lo spettro della camorra si aggira per Verona: sotto indagine gara d'appalto per la A22

Una ditta con sede a Castellamare di Stabia si sarebbe aggiudicata la costruzione di barriere antirumore sull'autostrada di Bussolengo con un ribasso del 40% sulla base d'asta

Le lunghe dita della camorra potrebbero aver raggiunto anche la provincia scaligera. O almeno è questo quello che andranno a verificare le indagini che riguardano una gara d'appalto per un intervento sulla A22.

TROPPO FACILE - La gara riguardava la realizzazione di alcune barriere antirumore sull'autostrada A22 del Brennero. A destare i sospetti degli investigatori la facilità con cui la ditta vincitrice si è aggiudicata la commessa: la gara è stata infatti vinta con un ribasso notevole, del 40%. Sul caso ora indaga la polizia di Trento. Il sospetto sono infiltrazioni della criminalità organizzata, la camorra in questo caso. La gara in questione riguardava la realizzazione di quattro barriere fonoassorbenti a Bussolengo, assegnata l'1 dicembre 2012 alla Ptam costruzioni con sede a Castellamare di Stabia. Dalla base d'asta di 5,4 milioni di euro la cordata vincitrice si è aggiudicata il lavoro a 3,5 milioni di euro. A dare il via agli accertamenti sarebbero stati dei testimoni di giustizia e dietro la ditta vincitrice ci sarebbe un imprenditore e i suoi figli a capo anche di altre ditte oggetto di inchieste. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lo spettro della camorra si aggira per Verona: sotto indagine gara d'appalto per la A22

VeronaSera è in caricamento