A caccia d'uccelli con le reti: bracconiere cade nella trappola della Forestale

Domenica mattina un cacciatore è stato colto in flagranza di reato dagli agenti, che nel corso di una perlustrazione avvenuta due giorni prima avevano scoperto le trappole da lui tese

Fino a domenica non era mai stato colto sul fatto, ma l'insistenza e l'utilizzo di tecniche più raffinate hanno permesso agli agenti del Comando stazione di Tregnago del Corpo forestale dello Stato di sorprendere sul fatto un cacciatore di Badia Calavena dedito all'uccellagione con il bracconaggio. 
Come riportato sulle pagine de L'Arena, nel corso di una perlustazione in località Teio, nel comune di Badia Calavena, che si è svolta venerdì, la Forestale si è imbattuta in due reti di cinque metri poco distanti tra loro, sul versante orografico sinistro della Val d'Illasi: gli agenti allora hanno dato il via agli appostamenti, dopo aver sporcato le trappole con rami e foglie. Il bracconiere si è presentato sul posto intorno alle 9.30 di domenica mattina e da ha subito iniziato a pulire la prima rete, muovendola in modo tale da facilitare la cattura di eventuali volatili. Dopodiché si è spostato per controllare la seconda rete e a quel punto la Forestale è uscita allo scoperto accusandolo del reato di uccellagione di frodo. Il cacciatore, un pensionato privo di precedendenti specifici, ha ammesso le proprie colpe e ha deciso di collaborare con gli agenti, rimendiando una sanzione di 2200 euro. L'uomo inoltre è il titolare di una licenza di caccia e di un porto d'armi: Provincia e Questura, rispettivamente, decideranno se rinnovargli le autorizzazioni l'anno prossimo. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sotto le vigne della Valpolicella a Negrar emerge un vero tesoro archeologico

  • Tragico incidente tra scooter e autocarro: morta una donna di 43 anni

  • Indagine nazionale di sieroprevalenza al coronavirus: ecco i Comuni veronesi coinvolti

  • In vigore la nuova ordinanza di Zaia e per la prima volta si parla di sagre e discoteche

  • Via libera a circoli culturali, baite alpini e parchi divertimento: ma quando riapre Gardaland?

  • Scooter si schianta contro il guard rail nella notte: morto il conducente

Torna su
VeronaSera è in caricamento