Cronaca

Reti e richiami per uccelli: tre uomini fermati per bracconaggio in una settimana

È stata la Polizia Provinciale a sorprendere i tre sul territorio veronese durante le attività di prevenzione. In casa di di uno di loro sono stati trovati in un congelatore 33 uccelli, di cui 23 appartenenti a specie protette

Immagine di repertorio

Tre persone sono state fermate dalla Polizia Provinciale nell'ultima settimana, durante le attività di prevenzione e contrasto del bracconaggio in territorio veronese.

Il primo caso è stato registrato sabato mattina scorso in un bosco di San Giovanni Ilarione. Gli agenti, dopo aver individuato una rete per la cattura di piccoli passeriformi stesa tra gli alberi, hanno sorpreso in flagranza di reato il proprietario bracconiere, intento a collocare le cosiddette esche di cattura. Nell'abitazione dell’80enne, venivano inoltre rinvenuti e sequestrati un'altra rete, sei piccole trappole con meccanismo a scatto e in un congelatore 33 uccelli, di cui 23 appartenenti a specie protette.

Nella stessa giornata, nel territorio di Garda, è stata rinvenuta all'interno di un appezzamento un'altra rete per la cattura degli uccelli migratori. L’appostamento portava al fermo in flagranza del bracconiere, sopraggiunto per controllare eventuali catture. In casa del 67enne veniva poi trovata una seconda rete illegale.

Un ultimo intervento ha permesso di sorprendere mercoledì un cacciatore di 67 anni che, in appostamento fisso in un appezzamento a Vestenanova, faceva uso di un fonofil, un apparecchio elettronico per il richiamo degli uccelli vietato dalla normativa vigente.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Reti e richiami per uccelli: tre uomini fermati per bracconaggio in una settimana

VeronaSera è in caricamento