rotate-mobile
Giovedì, 2 Dicembre 2021
Cronaca

Bpw chiude, l'Idv scrive al console tedesco

La chiusura delle fabbriche sta mettendo a rischio 120 posti di lavoro

I due stabilimenti veronesi verso la chiusura, 120 lavoratori a casa. La vicenda Bpw resta ancora senza sbocchi, ed Italia dei Valori si rivolge al console tedesco a Milano.

Nella lettera, scritta da Maurizio Zipponi, Responsabile nazionale Lavoro-welfare di Italia dei Valori, Massimo Donadi, capogruppo IdV alla Camera e dal deputato veronese Antonio Borghesi, vicecapogruppo IdV alla Camera, si ricorda come sia fallito anche l’incontro del 26 maggio scorso al Ministero dello Sviluppo Economico tra organizzazioni sindacali, azienda e governo.

La Bpw – affermano Zipponi, Donadi e Borghesi - mantiene l’obiettivo di spostare le produzioni dall’Italia verso l’Ungheria, senza offrire ai dipendenti una valida alternativa. Le chiediamo - rivolgendosi al console di Germania - un’efficace azione verso la BPW, per invitare l’azienda a cercare un’intesa che soddisfi le istanze dei lavoratori italiani, che stanno presidiando da mesi la Bpw di Verona”. L’alternativa – chiudono gli esponenti dipietristi - è quella di un conflitto pesante sia sul piano sociale che istituzionale ed anche legale”.

La multinazionale tedesca, che fattura più di 500 milioni di euro l’anno e occupa circa 7.000 persone
, ha deciso di trasferire la produzione di assali per camion in uno stabilimento ungherese, chiudendo le due sedi italiane di via Flavio Gioia a Verona e di Vallese di Oppiano.
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bpw chiude, l'Idv scrive al console tedesco

VeronaSera è in caricamento