Vogliono viaggiare senza pagare e aggrediscono l'autista dell'autobus

È successo a Bovolone. Un gruppetto di ragazzi è salito e ha minacciato l'autista che gli chiedeva di pagare il biglietto. Alla fermata successiva, l'uomo li ha fatti scendere e loro gli hanno spaccato il naso

Foto di repertorio

I carabinieri di Villafranca stanno raccogliendo testimonianze e indizi su quanto accaduto ieri, 6 marzo, a Bovolone durante una corsa dell'autobus 144 che collega Verona con Legnago, passando per Cerea e appunto per Bovolone. Oltre alle testimonianze, i militari stanno verificando anche la presenza di alcune telecamere, le cui immagini potrebbero offrire qualche dettaglio in più sulla vicenda.

Il bus era partito da Verona e non è accaduto nulla di insolito fino Bovolone. Al fermata al centro del paese, è salito a bordo un gruppo di giovani stranieri, alcuni dei quali già noti perché già in passato avevano tentato di viaggiare sui mezzi pubblici senza pagare il biglietto. L'autista, un uomo di 52 anni, ha chiesto loro di pagare, ma ha ricevuto come risposta solo parole offensive e minacciose. Alla fermata successiva, così, l'autista a invitato i ragazzi a scendere. Quattro di loro sono scesi e per controllarli anche l'autista è sceso dal mezzo. Ed è stato proprio in quel momento che è avvenuta l'aggressione. L'autista è stato picchiato dal gruppetto di ragazzi che poi si è dileguato.

Un testimone ha dato l'allarme e sul posto sono giunti i carabinieri e i sanitari del 118. Durante le medicazioni dell'autista, l'Atv ha fornito agli altri passeggeri un bus sostitutivo per concludere la corsa a Legnago. L'autista ha rimediato una brutta frattura al naso, ma prima di andare al pronto soccorso di Legnago ha voluto riportare il suo autobus al deposito.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Verona usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Con il dottor Claudio Zorzi dell'ospedale di Negrar l'Ortopedia veronese ai vertici in Italia

  • Signora arrestata per furto di profumi nel centro commerciale "Porte dell’Adige"

  • Operato a Verona, un paziente ringrazia: «Ho finalmente rivisto la luce»

  • Guai per una cooperativa: scovati 240 lavoratori irregolari e 7 in "nero"

  • Senza cinture al momento dello scontro: grave la bimba, indagata la madre

  • È di Stallavena il secondo panettone artigianale più buono d'Italia

Torna su
VeronaSera è in caricamento