menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Borseggiatrici e ladre braccate sul Garda: quattro arresti in una sola mattina

Sono stati i carabinieri della compagnia di Peschiera a mettere le manette ai polsi di due donne fermate al mercato settimanale di Lazise e di altre due bloccate a Castelnuovo con la refurtiva proveniente ad un supermercato

Il mese di giugno si apre, turisticamente parlando, col tutto esaurito e per i carabinieri della compagnia di Peschiera del Garda è il periodo in cui tutte le forze si concentrano sul controllo del territorio in maniera ancora più assidua, per assicurare un’estate sicura in concomitanza della presenza dei visitatori che soggiornano sul lago. In questo contesto, i militari hanno eseguito quattro arresti solo nella mattinata di mercoledì. 

A Lazise i carabinieri della stazione del posto, insieme alla polizia locale, hanno arrestato due giovani bulgare colte in flagranza di reato durante il mercato settimanale, mentre borseggiavano una turista straniera. I militari avevano visto le due borseggiatrici passare più volte cambiando aspetto: con o senza cappello, con i capelli sciolti o raccolti, con o senza occhiali, con una maglietta di un colore o con un’altra diversa, tutti espedienti per non farsi riconoscere passando più volte accanto alla potenziale vittima finchè, una volta individuata, l'hanno avvicinata e mentre una le metteva le mani nella borsa, l'altra faceva da palo. 
In quel preciso momento prò è scattata la trappola. Il personale in borghese le ha bloccate, mentre quello in uniforme è subito accorso ammanettandole e un portafoglio appena rubato è stato restituito alla turista.
Giovedì mattina le due straniere, con già diversi precedenti penali dello stesso genere, sono state giudicate con rito direttissimo presso il tribunale di Verona, dove è arrivata la convalida dell’arresto, la condanna a otto mesi di reclusione e la remissione in libertà con divieto di ritorno nella provincia di Verona.

A Castelnuovo del Garda invece i carabinieri del nucleo radiomobile hanno arrestato due pregiudicate rumene: sono state fermate e perquisite dai militari all’uscita di un supermercato dov’erano stati notati i loro movimenti sospetti. Le due sono state trovate in possesso di due spazzolini da denti elettrici e una quarantina di confezioni di testine di ricambio, per un valore di circa 600 euro. Dopo una notte in cella, giovedì mattina anche queste due donne sono state giudicate con rito direttissimo, con convalida degli arresti e condanna rispettivamente a otto e quattro mesi di reclusione, con 200 euro di ammenda cadauna e pena sospesa.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Benessere

    Pasta di legumi: benefici e ricetta

  • social

    Aperti online i Casting dello Zecchino d’Oro

  • social

    L'Acqua in uno scatto: concorso a premi

Torna su

Canali

VeronaSera è in caricamento