Bloccato nell'abisso di una grotta: anche i soccorritori scaligeri al lavoro

L'allarme è partito nella serata di domenica dalla Val Ceccona, sull'Altopiano di Asiago. Il 49enne speleologo aveva affrontato la discesa con un'altra persona, ma al momento di risalire ha sbagliato strada e la donna aveva già disarmato il percorso

Un momento del salvataggio compiuto dal Soccorso alpino

Erano circa le ore 20 di domenica, quando il Soccorso alpino di Asiago è stato allertato per il mancato rientro di uno speleologo dall'abisso Obelix, in Val Ceccona sull'Altopiano di Asiago. La grotta, che arriva a circa 800 metri di profondità, è in fase di esplorazione e costantemente armata con corde fisse, che vengono recuperate in testa ai pozzi per evitare che si deteriorino nei tratti soggetti a piene.

IMG-20190318-WA0001-2

Il 17 marzo, S.B., speleologo 49enne di Monteviale (VI), era sceso con un'amica e durante la risalita, a circa - 450 metri dal livello del mare, si erano accordati in modo che lui la precedesse e lei di seguito raccogliesse le corde nei punti in cui serviva. Poi però non si erano più visti e quando la donna è giunta all'uscita non ha trovato l'uomo, così ha lanciato l'allarme. I soccorritori di Asiago hanno subito avvertito il Soccorso speleologico per poi raggiungere l'ingresso dell'abisso, trasportando il materiale speleo sanitario tenuto apposta in magazzino per accelerare i tempi di intervento. Arrivati sul posto, una ventina di tecnici speleologici, provenienti dalle Stazioni speleo di Vicenza, Verona e Veneto Orientale, hanno fatto il punto ascoltando il resoconto della ragazza e hanno ipotizzato che in un tratto della grotta potesse avere superato il compagno senza accorgersene e che lui, tolte le corde fisse, fosse rimasto bloccato.

IMG-20190318-WA0004-2

La squadra di primo intervento allora ha iniziato la discesa, portando in ogni caso i sacchi sanitari con sé, mentre una seconda squadra ha steso la linea telefonica per le comunicazioni. Il 49enne è stato ritrovato poco prima dell'una di notte, ad una profondità di 250 metri, ed effettivamente era successo quanto ipotizzato dai soccorsi: ad una ramificazione a - 400 metri, S.B. aveva seguito un cordino con nodi, per poi accorgersi che portava a uno stretto cunicolo. Tornato sui propri passi, l'amica lo aveva già superato e disarmato il percorso. Lo speleologo era riuscito a progredire ugualmente di quota, fino a doversi poi arrendere alla base di un pozzo, in attesa degli aiuti. Stava bene e i soccorritori hanno provveduto a riscaldarlo, per poi risalire con lui la grotta e uscirvi passate le due.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

IMG-20190318-WA0000-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Come si è sviluppato il nuovo focolaio in Veneto che tocca da vicino anche Verona?

  • Nuovo focolaio di Covid-19 nel Vicentino, al confine con Verona e Padova

  • Maltempo atteso a Verona: il Comune invita i cittadini a limitare gli spostamenti

  • Spende 9 mila euro per un depuratore per la casa: «Non serve, l'acqua è già potabile»

  • Inganna parroco della Lessinia per ricattarlo, coppia di 20enni arrestata

  • Coronavirus: tre i nuovi casi positivi in Veneto e due i morti, un decesso è a Verona

Torna su
VeronaSera è in caricamento