Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Cronaca Centro storico / Corso Porta Nuova

Black Out a Verona: fornitura di elettricità messa a dura prova dai condizionatori

Martedì 7 luglio, nel pomeriggio, la corrente è saltata in Corso Porta Nuova, ma anche all'aeroporto Catullo. Sotto stress la rete elettrica

Con il caldo è arrivato anche l'aumento del fabbisogno di corrente elettrica. Lunedì 6 e martedì 7 luglio, si sono verificati una decina di black out nella città di Verona e in provincia. Le centraline di distribuzione di Agsm hanno registrato un sovraccarico di megawatt del 25% e ciò ha fatto saltare la corrente in corso Porta Nuova e anche all'aeroporto Catullo di Villafranca, che però ha come gestore Enel.

Non a caso è rimasto senza corrente elettrica corso Porta Nuova; in centro città, infatti, ci sono molti negozi e questi fanno un uso massiccio dell'aria condizionata. Sono proprio i condizionatori a far salire i consumu in maniera vertiginosa. Come riporta L'Arena, solo a Verona, sono state circa un migliaio le utenze che hanno subito disagi per i black out, sia domestiche che commerciali.

In condizioni normali, come riporta il quotidiano L'Arena, il prelievo di consumi per la rete elettrica è di circa 170/180 megawatt nei mesi di aprile e maggio. Martedì mattina si è arrivati a 230 megawatt solo in città; alle 16, i megawatt sono diventati 250.

Fabio Venturi, ora presidente di Agsm, su L'Arena,rassicura: "Si tratta di black out fisiologici in questi giorni di caldo eccezionale e persistente. Il consumo di energia elettrica, soprattutto per gli impianti di condizionamento, può effettivamente risultare superiore rispetto alla capacità delle cabine".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Black Out a Verona: fornitura di elettricità messa a dura prova dai condizionatori

VeronaSera è in caricamento