rotate-mobile
Lunedì, 23 Maggio 2022
Cronaca Porto San Pancrazio / Lungadige Galtarossa

Black out a Verona: 4 mila famiglie al buio domenica sera, ma tempi di risoluzione guasti da record

La centrale operativa di Megareti tiene sotto sorveglianza in tempo reale le 1.500 cabine elettriche, il sindaco Sboarina oggi in visita spiega: «L’Autorità ARERA, in 4 anni, ha riconosciuto a Megareti una premialità di 1 milione di euro, proprio per la velocità dimostrata nel risolvere i guasti»

A Verona, l’occhio tecnologico e quello umano sorvegliano, 24 ore su 24, le 1.500 cabine dell’elettricità. Pronti ad agire in caso di black out, come successo ieri sera quando si sono "spenti" parte del centro storico e il quartiere Borgo Trento. Alla centrale operativa di Megareti in lungadige Galtarossa sono in turno costantemente due operatori e, dalle loro postazioni, davanti a schermi e pc, riescono a monitorare sbalzi e danni alla rete di alta e media tensione e ripristinare tutti i guasti. In tempo reale e a distanza. Se qualcosa non va, infatti, scattano gli allarmi e i tecnici intervengono, supportati dalla tecnologia. Il tutto in pochissimi istanti, la media di attesa prima di riuscite a dare luce a palazzi e quartieri è di 10-11 minuti. Meno della metà delle tempistiche previste dall’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (ARERA), stabilita in 24 minuti. Velocità e operatività che, in 4 anni, hanno portato nelle casse di Megareti 1 milione di euro, premialità riconosciuta dall’Autorità nazionale che al contrario, quando cioè non si rispettano i tempi, dispone il pagamento di penalità.

L’interruzione dell’elettricità di ieri sera ne è stata l’ennesima dimostrazione. Erano le 18.59 quando è stato registrato un guasto a due linee di media tensione e oltre 4 mila famiglie sono rimaste al buio. Immediato l’allarme che si è accesso alla centrale, così come l’intervento degli operatori. Dai computer sono state individuate prima la direttrice danneggiata e, poi, le cabine che avevano fatto saltare il sistema. Dopo 6 minuti la linea "sinistra Adige" era già stata ripristinata. Allo scattare dei 10 minuti anche la seconda linea era tornata in funzione. Un danno a un nucleo di congiunzione, un problema tecnico. L’ultimo guasto della serata era sulla bassa tensione, ossia singoli palazzi non ancora telecontrollati da remoto. È stato necessario attendere l’uscita di due squadre operative, ma in 40 minuti anche per le ultime 400 utenze tutto era tornato alla normalità.

centrale megareti sindaco sboarina 2022-2

Questa mattina, il sindaco Federico Sboarina, assieme al direttore operativo Megareti, ingegner Livio Negrini, ha visitato la Centrale assistendo in prima persona al lavoro intenso degli operatori, alle prese con videosorveglianza, ma anche telefonate e segnalazioni. «La nostra Centrale è costantemente collegata con tutti i quartieri, non serve che, in caso di blackout, i cittadini chiamino per segnalare il problema bloccando le linee telefoniche – spiega il sindaco -. Da questi pc tutto viene gestito a distanza e ogni guasto all’alta e media tensione viene visualizzato, quindi l’allarme scatta automaticamente. Un pronto intervento d’eccellenza che è attestato anche a livello nazionale. L’Autorità ARERA, in 4 anni, ha riconosciuto a Megareti una premialità di 1 milione di euro, proprio per la velocità dimostrata nel risolvere i guasti. L’abbiamo visto ieri sera, in 10 minuti gran parte della città colpita dal blackout era tornata ad avere la luce. Grande efficienza a servizio dei cittadini».

Gallery

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Black out a Verona: 4 mila famiglie al buio domenica sera, ma tempi di risoluzione guasti da record

VeronaSera è in caricamento