Cronaca Casaleone / via Borghesana

Casaleone, bimbo di tre anni annega nel canale davanti casa

Il dramma si è consumato domenica pomeriggio, verso le 13e30, alla Borghesana. Il piccolo stava giocando sulla sua bici quando avrebbe trovato il modo di uscire dal cortile che si affaccia sul Tregnon

Una tragedia che ha gettato nella disperazione più cupa un'intera famiglia. Un bimbo di tre anni ha trovato la morte annegando nel canale davanti casa a Casaleone. E' accaduto alla Borghesana, verso le 13e30, domenica. La piccola vittima è di origine marocchina. Secondo le prime ricostruzioni del dramma, il bambino stava giocando nel cortile di casa in sella alla sua bicicletta mentre la mamma, Aziza El Maddami, 22enne, e il papà, Fouad Aziz, 23, erano in casa. Sarebbe riuscito ad oltrepassare il cancello, forse rimasto aperto, e a compiere quei pochi metri che lo separavano dalla riva del Tregnon, affluente del Canalbianco. Poi sarebbe scivolato e non avrebbe avuto scampo. La madre lo avrebbe cercato pochi minuti dopo e il pensiero sarebbe corso immediatamente alle acque del fiume. Alle 14 è scattato l'allarme generale: chiamate a carabinieri di Legnago, prima, e ai vigili, poi. Gli equipaggi si sono divisi: i militari a setacciare le campagne circostanti, i pompieri a scandagliare il corso d'acqua.

Le ricerche sono terminate dopo un'ora e mezza. Il corpo del piccolo, senza vita, è stato ritrovato nel Tregnon a tre chilometri e mezzo di distanza dal punto di caduta. Sul posto sono poi giunti i sanitari dell'Ulss di Legnago e anche una pattuglia di carabinieri di Sanguinetto, per i rilievi. Come spiega l'Arena, la madre Aziza, in preda alla disperazione, è stata trasportata all'ospedale dove i medici hanno cercato di calmarla. Condoglianze sono arrivate dal sindaco di Casaleone, Andrea Gennari, che ha manifestato il cordoglio da parte di tutta l'amministrazione e la cittadinanza.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Casaleone, bimbo di tre anni annega nel canale davanti casa

VeronaSera è in caricamento