Bimbo di 11 mesi falso positivo al coronavirus. «Era broncopolmonite»

Il piccolo era rientrato dalla Romania ad Arcole con la famiglia il 2 agosto. I successivi test, sia con i tamponi sia per la ricerca degli anticorpi, hanno dato esito negativo

(Foto di repertorio)

Era stato inserito tra i positivi al coronavirus nell'aggiornamento del 6 agosto scorso, ma un bambino romeno di 11 mesi è risultato poi essere un falso positivo portando sollievo a tutta la sua famiglia.

Giovedì scorso, tra i diversi report che vengono forniti sull'emergenza Covid in provincia di Verona, ce n'era stato uno in cui venivano riportati i nuovi positivi della giornata. Tra questi, il più piccolo era un bimbo di quasi un anno, rientrato con la famiglia dalla Romania il 2 agosto. Il nucleo familiare vive ad Arcole ed il piccolo risultava essere l'unico positivo, fortunatamente asintomatico.

Successivamente, però, nel gruppo Facebook «Sei di Arcole se...», la madre del bambino è intervenuta raccontando che il figlio era un falso positivo. Dopo il primo tampone positivo, nell'ospedale di san Bonifacio, il bimbo è stato sottoposto a dei test di verifica, risultando negativo. Ai successivi due tamponi, l'esito è stato di negatività. E non si può parlare di negativizzazione, perché il bambino non ha contratto per niente il coronavirus. È risultato negativo, infatti, anche il test per la ricerca degli anticorpi. «Il bimbo ha avuto la broncopolmonite», ha concluso ancora la madre sul social network.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente sul lavoro: operaio 38enne precipita a terra e muore

  • Bozza Dpcm: coprifuoco Natale e Capodanno (rafforzato), sì pranzi ristorante in zona gialla

  • In sella alla moto sbatte contro un'auto a Pizzoletta e perde la vita

  • Covid-19, in Veneto 107 decessi in 24 ore. 27 tra Verona e provincia

  • Un hotel extra lusso nel cuore di Verona al posto degli ex uffici Unicredit

  • Il Veneto resta zona gialla, ora è ufficiale. Presidente Zaia: «Non abbassiamo la guardia»

Torna su
VeronaSera è in caricamento