Cronaca Stazione / Piazzale XXV Aprile

Un anno di grandi sforzi per la polfer di Verona: 46 arresti e oltre 24mila persone identificate

Grande attenzione durante il 2018 per gli agenti della polizia ferroviaria anche nella gestione del fenomeno dei migranti in transito verso il Nord Europa e al contrasto al traffico di droga

Gli agenti della polizia ferroviaria di Verona in azione

Nel corso del 2018 il Compartimento di Polizia Ferroviaria per Verona ed il Trentino Alto Adige ha svolto la propria attività di controllo all’interno delle stazioni e sui treni per garantire la sicurezza dei viaggiatori, attraverso la prevenzione ed il contrasto dei reati e del degrado in ambito ferroviario.

Si è distinta in particolare l’attività degli uffici Polfer della Provincia di Verona che, nell’anno appena trascorso, hanno assicurato 4.993 servizi di vigilanza in stazione, la scorta a 731 treni viaggiatori, 805 servizi antiborseggio, nonché 1.090 pattuglie automontate lungo la linea ferroviaria. Nel corso dell’attività sono state identificate 24.489 persone, di cui 11.822 stranieri, nonché rintracciati 23 minori. Durante i servizi di prevenzione e di repressione dei reati sono state arrestate 46 persone, 179 denunciate a piede libero ed elevate 122 contravvenzioni amministrative.

L’attività degli uffici Polfer della Provincia di Verona è stata particolarmente intensa anche nella gestione del fenomeno dei migranti in transito verso il Nord Europa, il tutto nell’ambito di un impegnativa gestione del flusso migratorio che ha visto coinvolto l’intero Compartimento Polfer per Verona ed il Trentino Alto Adige. Una situazione che ha comportato la predisposizione di numerosi servizi dedicati, con un’attività di controllo particolarmente capillare ed estesa anche ai numerosi treni merci sui quali spesso i migranti hanno tentato di salire.

Più in generale, il Compartimento Polfer per Verona ed il Trentino Alto Adige ha garantito numerosi servizi di prevenzione e repressione dei reati sia in uniforme che in abiti borghesi, svolgendo anche l’attività investigativa specialistica sugli incidenti ferroviari. Nel corso del 2018 gli operatori Polfer hanno assicurato, complessivamente, 11.876 servizi di vigilanza scalo, la scorta a 3.967 treni viaggiatori e 820 attività operative antiborseggio in abiti civili sia a bordo treno che in stazione.

Le persone identificate nel corso dei servizi di prevenzione e repressione dei reati sono state 50.656, di cui 23.732 cittadini stranieri. Di questi ultimi 157 sono risultati in posizione irregolare sul territorio nazionale. Inoltre, sono state denunciate a piede libero all’Autorità Giudiziaria 514 persone e 69 sono state arrestate, nonché elevate 243 sanzioni amministrative per violazioni al Regolamento di Polizia Ferroviaria.

L’attività di contrasto al traffico e spaccio di sostanze stupefacenti ha portato al sequestro di 14.234 grammi di hashish, 883 grammi di droghe sintetiche in polvere, 115 grammi di oppiacei, 33 grammi di eroina e, infine, 7 grammi di cocaina. Particolare attenzione è stata dedicata al fenomeno dell’allontanamento volontario di minori con il rintraccio di 46 adolescenti.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un anno di grandi sforzi per la polfer di Verona: 46 arresti e oltre 24mila persone identificate

VeronaSera è in caricamento