Benini: "In borgo Venezia scuole comunali KO per carenza di manutenzioni"

Il consigliere comunale e il gruppo Democratico della Sesta Circoscrizione, richiamano l'attenzione sulle condizioni di alcuni edifici scolastici e sul "problema delle manutenzioni ordinarie e della tempestività degli interventi"

Immagine generica

Pur dando atto che nell’ultimo anno, soprattutto grazie agli “incentivi” del governo e alle pressioni delle opposizioni, il comparto dell’edilizia scolastica ha visto spuntare anche nel capoluogo scaligero numerosi cantieri in più che in passato, resta tuttavia il problema delle manutenzioni ordinarie e della tempestività degli interventi che creano ancora troppi disagi tra i cittadini.

Il consigliere comunale del Partito Democratico Federico Benini e il gruppo consiliare del PD in Sesta circoscrizione, richiamano l'attenzione sulle condizioni di alcuni edifici scolastici di Verona. 

Proprio in questi giorni ne abbiamo esempio in Borgo Venezia dove ben tre scuole risultano gravate da disagi che le rendono in parte inagibili.
Alle primarie Achille Forti metà del cortile dove i bambini fanno ricreazione è ancora transennato su disposizione dei tecnici comunali per un problema di piastrelle sconnesse.
Alle primarie Manzoni è invece la palestra ad essere inagibile a causa di una fuoriuscita di gas dal sottosuolo dovuta a cause in corso di accertamento da parte di Arpav.
Alla materna Il Paese dei Colori si trascina ormai da anni un grave problema di infiltrazioni d’acqua ed altre carenze strutturali già oggetto di numerosi finanziamenti comunali mai arrivati a buon fine.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Su ciascuno di questi casi sono stati interrogati gli uffici competenti che si stanno muovendo, certo è che occorre un migliore monitoraggio delle varie situazioni, ottenibile con un rapporto più stretto tra il Comune e le Circoscrizioni, onde evitare che le segnalazioni cadano nel dimenticatoio e si intervenga sempre e soltanto quando i disagi si trasformano in aperti pericoli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Come si è sviluppato il nuovo focolaio in Veneto che tocca da vicino anche Verona?

  • Nuovo focolaio di Covid-19 nel Vicentino, al confine con Verona e Padova

  • Maltempo atteso a Verona: il Comune invita i cittadini a limitare gli spostamenti

  • Inganna parroco della Lessinia per ricattarlo, coppia di 20enni arrestata

  • Citrobacter, destino segnato per una bimba infettata a Borgo Trento

  • Mistero a Cerea, scoperti 17 morti in cimitero sepolti senza autorizzazione

Torna su
VeronaSera è in caricamento