rotate-mobile
Giovedì, 9 Dicembre 2021
Cronaca

Beb soffoca all'asilo, maestre sotto accusa

Il piccolo, figlio di un noto avvocato veronese, morto a soli 4 mesi in un nido di Mantova

Un cosiddetto caso di morte bianca su cui però si sta cominciando ad indagare per omicidio colposo. Questo quanto è emerso subito dopo il decesso di mercoledì scorso del piccolo Luca De Grandi, di appena quattro mesi, avvenuto nella culla di un asilo nido privato del Mantovano, il “Re Artù” di via Carso.

Una tragedia che ha gettato nella disperazione il papà, Giuseppe De Grandi, 43enne avvocato civilista del foro di Verona, originario di Cologna Veneta e la mamma Cinzia De Simone, direttrice del Parco del Mincio che si era occupata dell’inserimento del figlio nel rinomato centro bebè lombardo.

La morte di Luca sarebbe avvenuta subito dopo il pranzo di mezzogiorno e la messa in culla. Al ritorno della maestra il piccolo già non respirava più. Un mistero vero e proprio per il quale si ipotizza la mancata vigilanza da parte delle responsabili, e in quattro, due educatrici e due assistenti del nido, sono finite sul registro degli indagati della Procura di Mantova. Ora si attendono gli esiti dell’autopsia che chiarirà le esatte cause. Tutta la città si è già stretta in cordoglio e fiumi di condoglianze sono giunti ai genitori. L’addio finale a Luca De Grandi sarà celebrato nel funerale di domani mattina, alle 10e30 a Mantova.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Beb soffoca all'asilo, maestre sotto accusa

VeronaSera è in caricamento