Violata l'ex base militare Back Yard a Grezzana: è dismessa dal 2000

«L’Amministrazione comunale, in collaborazione con le forze dell’ordine, intensificherà la sorveglianza nel circondario per impedire altri accessi non autorizzati nell’ex base militare», assicurano il sindaco Alberti e il consigliere Avesani

Il Monte Vicino, a Grezzana - Foto Wikipedia: Cadria

Venerdì 25 settembre, alle 11, il sindaco di Grezzana Arturo Alberti ed il consigliere comunale Giovanni Avesani effettueranno un sopralluogo nell’ex base militare all’interno del monte Vicino, a Grezzana, dopo l’ennesima intrusione di alcuni malintenzionati. Sarà presente anche Claudio De Castro, coautore del libro “Viaggio nelle basi segrete della Nato – West Star e Back Yard”. L’ispezione, inoltre, servirà all’Amministrazione per valutare il miglior utilizzo del sito.

Secondo quanto riferisce l'amministrazione comunale, un gruppetto di malintezionati sarebbe riuscito a scorrazzare nel bunker di Grezzana (con la possibilità di perdersi tra tunnel e stanze varie), se non fosse stato sorpreso dai carabinieri ad armeggiare con degli arnesi per aprirsi un varco tra le griglie di uno dei due ingressi secondari, che avrebbe dovuto essere protetto anche da un muro, divelto in precedenza nel corso di altre "incursioni". Meno vulnerabile, invece, l’ingresso principale, poichè sbarrato da una porta blindata installata dal Comune, a cui il Demanio ha ceduto gratuitamente la proprietà della fortificazione.

«L’Amministrazione comunale, in collaborazione con le forze dell’ordine, intensificherà la sorveglianza nel circondario per impedire altri accessi non autorizzati nell’ex base militare», assicurano Alberti e Avesani.

Back Yard, "Giardino dietro casa", fu denominata l’ex stazione per le comunicazioni dell’Alleanza Atlantica. Un nomignolo così paradisiaco da indurre, tutt’oggi, in tentazione. Tanto più irrefrenabile quanto più il presidio, dismesso nel 2000, era segreto. Eppure una riproduzione della cittadella, disposta su un piano simile a tre ipsilon, è incorniciata da sempre nel corridoio del municipio di fronte all’ufficio del sindaco. Ciò nonostante, agli ingressi secondari, ogni muro eretto dal Comune è stato puntualmente abbattuto da ignoti.

Così, dopo i praticanti dell’urban exploration (l’abusiva perlustrazione di edifici pubblici e privati abbandonati, con i resoconti delle incursioni nel Back Yard risalenti al 2014 ancora reperibili sul web), i "bunkeroli", i predatori di reperti bellici (sebbene i generatori di corrente siano troppo ingombranti per essere spostati), è la volta dei presunti ladri di metalli. Le apparecchiature rimaste nell’ex postazione militare, sebbene non siano più usate, contengono comunque il rame: così prezioso da essere stato istituito l’Osservatorio nazionale sulle razzie di metalli.

Back Yard contribuì, in Europa, a contrastare l’avanzata del Patto di Varsavia al tempo della Guerra Fredda.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il manufatto fu progettato, costruito e reso operativo tra gli anni Cinquanta e Settanta contemporaneamente a West Star, situato all’interno del monte Moscal, ad Affi. West Star era il più grande bunker antiatomico d’Europa e aveva anch’esso tre accessi. Il corpo centrale si sviluppava su tre piani: due simili ad un otto, l’altro destinato agli impianti. I due presidi, ovviamente, interagivano.
West Star fu dismesso nel 2007. Attualmente, è di proprietà del Comune di Affi, dopo, anche in quest’occasione, la cessione gratuita del Demanio. L’assessore Gianmarco Sacchiero, delegato proprio alla riconversione e valorizzazione dell’ex base militare ad Affi, è stato recentemente invitato dagli amministratori di Grezzana a visitare Back Yard.
All’interno di West Star, il Comune di Affi intende realizzare un museo interattivo dedicato alla Guerra Fredda collegato a un circuito europeo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Arriva App di biosorveglianza targata Veneto e Luca Zaia annuncia un'«ordinanza innovativa»

  • Lo studio a Negrar: «Minore è la quantità di virus, meno gravi i sintomi della malattia»

  • Contro gli assembramenti, provvedimenti diversificati e "zone rosse" a Verona

  • Un morto ed un ferito per un incidente motociclistico a Caprino Veronese

  • Nuova ordinanza a Verona contro il virus: le tre "aree" della città e tutti i divieti in vigore

  • Hellas Verona - Genoa, probabili formazioni | Difesa gialloblù in emergenza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeronaSera è in caricamento