Base in cemento abusiva nell'oliveto: scatta il sequestro dei carabinieri

I militari della Forestale di Tregnago sono intervenuti nella zona di Illasi dove, in un'area sottoposta a vincolo paesaggistico, un agricoltore aveva gettato la base per la futura costruzione di un deposito

I carabinieri nell'area sequestrata

Non avrebbe avuto l'autorizzazione per realizzare quella base in calcestruzzo, così nella mattinata di giovedì i carabinieri della Forestale di Tregnago, su delega del gip Franciosi, hanno eseguito il sequestro preventivo. 
L'area di circa 50 metri quadrati era in fase di realizzazione all'interno di un oliveto e avrebbe dovuto essere la base per la futura costruzione di un deposito agricolo in località Arano, nel comune di Illasi. La zona però, soggetta ad adattività abusive di scavo, riporto di terreno e di cementificazione, è sottoposta a vincolo paesaggistico e l'agricoltore proprietario dell'area è stato dunque segnalato all’autorità giudiziaria per «la condotta integrante abuso edilizio e paesaggistico in violazione agli articoli 44 lett. c DPR 380/2001 e 181 Decreto legislativo 42/2004», che prevedono la pena dell’arresto fino a due anni e l’ammenda da 15.493 a 51.645 euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rischio Covid: regioni gialle, arancioni o rosse? In arrivo cambiamenti

  • Covid, ecco il "tampone multiplex": a Negrar un unico test per riconoscere tre diversi virus

  • Terapia anti-Covid scoperta dall'università di Verona, l'Fda la autorizza

  • Coronavirus: in Veneto 18 morti da ieri sera, Verona provincia con più casi attuali e decessi

  • Virus, il vaccino veronese fa sperare: «È ben tollerato e induce risposta immunitaria»

  • Veneto verso l'arancione? Come funziona il calcolo che divide le Regioni in aree di rischio

Torna su
VeronaSera è in caricamento