rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Cronaca Bardolino

Viola i domiciliari per partecipare ad una festa e finisce in carcere

L'uomo, residente a Bardolino, aveva giustificato la sua assenza dicendo che la figlia si era sentita male e che era stata portata d'urgenza al pronto soccorso. Ma i carabinieri hanno scoperto la verità

Venerdì scorso, 26 luglio, i carabinieri di Bardolino hanno eseguito un ordine di carcerazione nei confronti di un cittadino catanese, classe '83, residente nel comune gardesano. L'uomo è un carrozziere e le iniziali del suo nome sono I.E..
L'ordine di carcerazione era scattato per le diverse violazioni degli arresti domiciliari commesse da I.E.. I carabinieri, infatti, lo avevano sorpreso più volte ed hanno segnalato tutto all'autorità giudiziaria, la quale ha condiviso le ricostruzioni dei militari dell'Arma ed ha emesso il provvedimento.

In particolare, il 7 luglio scorso, I.E. non era presente in casa al momento del controllo dei carabinieri poiché, a suo dire, si era allontanato per comprare due pacchi di sigarette. Una giustificazione ritenuta poco convincente dai militari, i quali hanno riferito la violazione all'autorità giudiziaria. L'uomo, in quell'occasione, è stato diffidato, ma la diffida non ha avuto l'effetto sperato perché il 21 luglio scorso si è verificato un altro episodio analogo. Intorno alle 21.40 di domenica scorsa, infatti, I.E. ha chiamato i carabinieri per informarli che la figlia si era sentita molto male ed era stata trasportata d'urgenza al pronto soccorso di Bussolengo. Alle 2 di notte, l'uomo ha contattato nuovamente i carabinieri informandoli di essere rientrato e alle 5 la pattuglia si è recata nuovamente nell'abitazione di I.E., constatando che l'uomo era in casa. Nel pomeriggio seguente, i carabinieri sono tornati da I.E. per vedere il referto medico della figlia, ma l'uomo ha risposto di non ricordare dove fosse. Successivamente, a seguito dell'insistenza degli operanti, I.E. ha ammesso di non esserne in possesso perché la sera precedente era stato lui e non la figlia a sentirsi male. L'uomo ha raccontato di essersi recato al pronto soccorso di Bussolengo e di non aver fatto neanche l'accettazione a causa della lunga fila. Considerato che nelle ore in cui I.E. si era assentato si era svolta una festa nel cortile della carrozzeria dove lavorava, i carabinieri hanno sospettato che la storia raccontata da I.E. fosse falsa e che l'uomo la sera prima fosse uscito di casa per partecipare alla festa. Per questo, gli uomini dell'Arma di Bardolino hanno raccolto alcune informazioni tra i partecipanti all'evento, trovando conferme ai loro sospetti: I.E. aveva effettivamente partecipato alla serata, trattenendosi fino all'una di notte. Avendo accertato questa ulteriore violazione, i carabinieri hanno deferito nuovamente l'uomo all'autorità giudiziaria, la quale ha emesso l'ordine di carcerazione eseguito dai militari venerdì scorso.
I.E. ora si trova nel carcere di Montorio.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Viola i domiciliari per partecipare ad una festa e finisce in carcere

VeronaSera è in caricamento