rotate-mobile
Venerdì, 7 Ottobre 2022
Cronaca Bardolino / Lungolago F. Cipriani

Controllato dai carabinieri, scappa e getta l'hashish nel lago a Bardolino

È un giovane milanese del '92 che si trovava sul Garda per l'estate. I carabinieri lo hanno arrestato, sequestrando circa un etto di sostanza stupefacente. Il ragazzo è stato accusato anche di resistenza a pubblico ufficiale

Resistenza a pubblico ufficiale e detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. Per questi reati, i carabinieri del nucleo operativo e radiomobile di Peschiera del Garda hanno arrestato un cittadino milanese, celibe e disoccupato. Il giovane è un classe '92 e le iniziali del suo nome sono L.F..

L'arresto è di sabato scorso, 24 agosto, giorno in cui i militari erano in servizio a Bardolino, sul Lungolago Cipriani. All'altezza della struttura Lido Mirabello Beach, i carabinieri hanno controllato tre ragazzi che camminavano a piedi, in quanto avevano tentato di allontanarsi alla vista degli uomini in divisa. Durante il controllo, L.F. si è mostrato irrequieto e agitato, e alle domande dei militari ha risposto scappando in direzione del lago.
I carabinieri hanno inseguito il fuggitivo e lo hanno afferrato dopo circa 15 metri. L.F., tuttavia, ha trascinato uno dei militari, facendolo cadere su un prato e riuscendo a divincolarsi per proseguire la sua corsa. L.F. ha raggiunto il lago, ha estratto un involucro dalla tasca e ha provato a disfarsene gettandolo in acqua. I militari, però, lo hanno bloccato e poi hanno recuperato nel lago l'involucro gettato dal giovane. Al suo interno, i carabinieri hanno trovato 50 grammi circa di hashish del tipo afghano/indiano denominato Charas.

I militari hanno poi perquisito L.F., trovando nel suo zaino un coltello da cucina con manico in plastica di colore bianco e lama in acciaio inox dalla lunghezza complessiva di 22 centimetri (di cui 11 di lama). Sulla lama di questo coltello gli operanti hanno trovato apparenti tracce di sostanza stupefacente. Successivamente, i carabinieri hanno perquisito anche la casa vacanze della famiglia del giovane, a Bardolino, dove il ragazzo era domiciliato per il periodo estivo. Nell'abitazione, i carabinieri hanno trovato altro hashish, sempre dal peso approssimativo di 50 grammi.

L.F. è stato portato al comando della compagnia di Peschiera del Garda per gli accertamenti di rito e poi ristretto agli arresti domiciliari. Lunedì scorso ha patteggiato la pena di sei mesi di reclusione. Pena poi sospesa.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Controllato dai carabinieri, scappa e getta l'hashish nel lago a Bardolino

VeronaSera è in caricamento